Autore: Paolo Marsico

Movimento 5 Stelle - PD

6
Feb

Roberta Lombardi scrive a Zingaretti: «convergenza su prescrizione e concessioni autostradali»

La conigliera regionale scrive al segretario dem chiedendo una precisa convergenza su certi tempi spinosi, in caso contrario in dubbio la stabilità del governo.

La capogruppo del Movimento Cinque Stelle alla Regione Lazio, Roberta Lombardi, chiede formalmente al Segretario del Pd, Nicola Zingaretti, una convergenza su alcuni temi strategici, come prescrizione ed autostrade, per dare credibilità, ed una precisa linea politica al governo. La lettera, pubblicata dal quotidiano “La Repubblica”, contiene ciò che potrebbe dirsi la posizione di un bel pezzo del “movimento”, protagonista, suo malgrado, negli ultimi tempi di una profonda lotta intestina.

“Non possiamo fare sconti - esordisce la Lombardi - e su questo spero che tu riesca a portare tutto il Pd, e le relative compagini, sul terreno che abbiamo scelto insieme per portare avanti degli obiettivi comuni”. Prescrizione e concessioni autostradali, sono i due temi principali sui quali la Lombardi chiederebbe massima convergenza al segretario dem Zingaretti.

Le richieste della Lombardi a Zingarett

“Contrastare i politici impegnati – prosegue la Lombardi – a diffondere notizie false su quest’argomento (prescrizione), soprattuto a chi afferma che abolendo la prescrizione, i cittadini sarebbero indagati a vita. E’ una cosa del tutto falsa - afferma Lombardi - in quanto la prescrizione si blocca solo dopo il primo grado di giudizio”.

Le concessioni autostradali, altro nodo della discordia

Il tema spinoso delle concessioni autostradali trova ampio spazio nella lettera della Lombardi, che dichiara: “non si può arretrare nemmeno di un millimetro” sulla revoca delle concessioni autostradali ai Benetton, a maggior ragione dopo la tragedia del ponte Morandi e dopo molti anni di soldi pubblici sprecati. Inoltre - secondo la consigliera regionale - è fondamentale togliere la gestione della cosa pubblica da quei poteri forti che per tanti anni hanno lucrato a spese dei cittadini. Si tratta – continua - di una battaglia di legalità e di civiltà che dobbiamo portare a termine per dimostrare che noi siamo l’unica vera alternativa al Sistema"

Il Movimento Cinque Stelle, insomma, chiede al Pd quella convergenza, che in qualche modo lo stesso Zingaretti aveva chiesto agli “alleati” di governo, nella speranza che si possa finalmente chiudere al più presto lo spinoso capitolo della riforma della giustizia, da troppo tempo in balia delle continue contraddizioni spesso presenti in parlamento”.