Ritroviamo Denise Pipitone, appelli in tutto il mondo. Mamma Piera ringrazia tutti

Ritroviamo Denise Pipitone, appelli in tutto il mondo. Mamma Piera ringrazia tutti

«Grazie per esserci», Piera Maggio ringrazia chi sta cercando di aiutarla a ritrovare la sua Denise

Arrivano appelli da tutto il mondo per ritrovare Denise Pipitone. Dopo la vicenda della ragazza russa Olesya Rostova, è iniziata una gara di solidarietà ovunque, specialmente sui social per ritrovare la piccola, oggi giovane donna, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo in Sicilia. Lo stupore di mamma Piera: «Sta accadendo a partire dai giovani qualcosa di meraviglioso, grazie a tutti.»

Tutti vogliono ritrovare Denise Pipitone. Piera Maggio: «Grazie a tutti»

Purtroppo la storia di Olesya Rostova, la ragazza russa che cerca la sua mamma biologica, si è rivelata un ennesimo buco nell’acqua. Tanti speravano che quella giovane ragazza fosse Denise, ma così non è stato.

Nonostante tutto, la speranza di ritrovare la piccola è aumentata sempre più. Nelle ultime ore si sono moltiplicati gli appelli per farla tornare a casa dalla sua famiglia ed è stata proprio Piera Maggio a renderlo noto. La donna sulla pagina dedicata alla sua bambina, ha voluto ringraziare tutti:

«Dopo l’esito negativo di quest’ultima segnalazione, sta accadendo a partire dai giovani qualcosa di meraviglioso. Stanno diffondendo in varie lingue, la locandina con hashtag #Denisepipitone. Non ci sono parole semplicemente grazie di esserci».

Piera Maggio e Piero Pulizzi non hanno mai perso la speranza di ritrovare la loro figlia viva. Questo è il secondo messaggio che la famiglia condivide sui social dopo l’incredibile storia legata ad Olesya Rostova a Let Them Talk.

Nel programma russo, la 20enne aveva fatto un appello per ritrovare la sua mamma naturale ma purtroppo il test del sangue è risultato incompatibile con quello di Denise Pipitone.

«Ci abbiamo sperato senza mai perdere quella sana lucidità che dall’inizio della segnalazione abbiamo avuto, l’esser cauti. Sono stati giorni difficili, pieni di tensione. Adesso continueremo nella nostra battaglia come abbiamo sempre fatto. Denise è diventata la figlia di tutta Italia e va cercata. Ringraziamo di cuore tutti per l’affetto e vicinanza ricevuta», è il messaggio firmato insieme al papà biologico di Denise, Pietro Pulizzi, dopo la messa in onda della registrazione del programma a cui ha partecipato in collegamento anche il legale Giacomo Frazzitta.

L’avvocato di Piera Maggio interviene nel programma di Barbara d’Urso ma poco dopo va via: «Ho fatto male a venire»

Ieri pomeriggio, nella puntata di Pomeriggio Cinque in cui si parlava della vicenda di Olesya Rostova, è intervenuto il legale di Piera Maggio ma dopo poco è andato via. Al centro della discussione è finito il giornalista e opinionista Roberto Alessi. Il suo intervento è stato interpretato male dall’avvocato e proprio a causa di questo equivoco, Giacomo Frazzitta ha salutato tutti ed è andato via.

Il direttore di Novella 2000 ha messo in dubbio la buona fede di Olesya. L’avvocato, probabilmente indispettito dalle insinuazioni, ha voluto interrompere immediatamente il suo intervento. Roberto Alessi ha dichiarato: «Tempo fa Olesya è andata nella stessa trasmissione e le avevano trovato una madre a 700 km da Mosca. C’è stato l’incontro, ma poi si è dimostrato che le due non erano parenti. Quando Olesya ha detto di non sapere il suo gruppo sanguigno, non è possibile, dice una bugia. Lei già conosceva il suo gruppo sanguigno. Lo sapeva e taceva».

Il legale che da anni è vicino alla famiglia di Denise, ha replicato: «In questo momento nel programma c’è una scaletta? Adesso mi fa parlare. Lei dice cose che non hanno senso. Va bene, ok, arrivederci. Vedi che ho fatto male a venire. Ma cosa devo chiarire, ma smettetela, basta». Barbara D’Urso è rimasta spiazzata dal suo atteggiamento, poi ha commentato così:

«Ha un carattere particolare l’avvocato. C’è un grandissimo equivoco. Mi dispiace molto che sia andato via, perché è stato trattato con rispetto ed educazione. La domanda non era cattiva per l’avvocato. Mi spiace molto che abbia detto ‘ho fatto male a venire’. Non mi sembra educato quello che ha fatto, va bene così».