Autore: Martina Bianchi

Tassazione

Rischio prelievo forzoso: come evitarlo sui conti correnti mettendo al sicuro i soldi

Molti esponenti politici stanno avanzando l’ipotesi di un prelievo forzoso o di una patrimoniale. Ecco come mettere al sicuro i propri soldi

Si tratta di una ipotesi remota, ma visti i precedenti in Italia e la crisi economica derivante dall’emergenza sanitaria da Coronavirus, qualche paura di un prelievo forzoso c’è. Superata la crisi sanitaria, infatti, non solo in Italia, si dovrà fare i conti con l’impatto economico che essa ha causato. Proprio in questo clima gli italiani sono spaventati che, in qualche modo, si possa mettere mano ai loro risparmi.

Prelievo forzoso: i precedenti Italiani

Chi non ricorda la notte tra il 9 e 10 luglio 1992? Quando il governo di Giuliano Amato attuò proprio nella notte una patrimoniale del 6 per mille su tutti i soldi che gli italiani tenevano sui conti correnti.

Il prelievo forzoso colpì indistintamente tutti portando nelle casse dello Stato 100 miliardi di lire.
Il prelievo forzoso è una tassa patrimoniale (straordinaria) che applica un’imposta su tutti i conti correnti di tutte le banche.

Che possibilità di opporsi ha un correntista di fronte ad una decisione di questo tipo? Nessuna perchè il governo quando annuncia un prelievo forzoso prende anche le contro misure per fare in modo che le somme presenti sui depositi non possano essere prelevate.

Che possibilità di patrimoniale ci sono in Italia in questo momento? I Governo ha assicurato che non applicherà questa procedura straordinaria.

Come evitare il prelievo forzoso?

Uno dei consigli potrebbe essere quello di non detenere tutto il proprio patrimonio nel paese in cui si risiede ma di scegliere un istituto estero, magari al di fuori dell’Eurozona, in cui mettere al sicuro parte delle somme.

Un’altro escamotage potrebbe essere quello di investire i propri risparmi (evitando investimenti ad alto rischio) in prodotti finanziari con società che non hanno una sede nell’Eurozona (in questo caso non potrebbero essere soggette ad un eventuale prelievo forzoso da parte dell’Italia).

Anche se in Italia vi è una tutela per i depositi ricordiamo che questa tutela non è applicabile ai conti correnti con depositi fino a 100mila euro in caso di patrimoniale.
Per evitare il rischio di un prelievo forzoso, quindi, non esiste una vera e propria strategia ma è possibile trovare degli investimenti che vadano ad ammortizzare le cifre perse.

Ribadiamo, in ogni caso, che quelle che venga applicata una patrimoniale in Italia, al momento sono paure infondate nate solo da ipotesi di alcuni esponenti della politica e prontamente smentite dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte.