Rimini, fidanzati fermati dopo le 23 picchiano gli agenti

Rimini, fidanzati fermati dopo le 23 picchiano gli agenti

Una coppia di giovanissimi fidanzati è stata fermata dopo le 23 in centro a Rimini. Uno dei due ha colpito con una ginocchiata un’agente, l’altra ha spinto il poliziotto e si è data alla fuga.

Una delle tante conseguenze della pandemia da COVID-19 sulle nostre vite è senza dubbio l’istituzione del coprifuoco. Una parola che fino a dieci mesi fa leggevamo soltanto nei libri di storia, è entrata nelle nostre vite, regolandole. La stragrande maggioranza degli italiani lo sta rispettando ma c’è chi si ribella, letteralmente, a questa restrizione della libertà personale di movimento.

Giovani ribelli

Nella notte del 20 dicembre una coppia di ragazzi è stata trovata in giro per le strade di Rimini, per l’esattezza all’incrocio tra via Gambalunga e via Roma.

Una Volante della Polizia si è avvicinata ai due per un controllo, chiedendo ai giovani un documento di riconoscimento e il motivo per il quale si trovassero fuori di casa alle 23.

I due hanno risposto che erano usciti per comprare le sigarette al distributore e che stavano tornando a casa. Una scusa ritenuta non plausibile dai poliziotti, che hanno deciso anche di portare entrambi in Questura.

Questo perché la 16enne tunisina risultava scomparsa da circa 24 ore da Padova, sua residenza, a seguito di una denuncia dei suoi parenti.

L’aggressione agli agenti

Gli agenti, dopo aver chiesto ai due di salire in macchina, sono stati aggrediti. Il poliziotto che si stava occupando della 16enne è stato spinto con violenza dalla ragazza, che subito dopo è fuggita a gambe levate.

La poliziotta che stava tenendo a bada il suo fidanzato, un 18enne del posto, è stata invece colpita con una ginocchiata alla schiena dal giovane.

La ragazza è riuscita a fuggire, mentre il suo fidanzato è stato bloccato pochi minuti dopo e portato in caserma. Qui si è scoperto che aveva diversi precedenti, a cui a breve si aggiungerà una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

La fuga della 16enne è durata poche ore in più: la mattina seguente è stata rintracciata in strada dalla Polizia di Rimini e fermata. Denunciata anche lei per concorso nella resistenza, è stata affidata ai servizi sociali.