Autore: Martina Bianchi

dichiarazione dei redditi

3
Giu

Rimborso 730 2020: quando arriva quest’anno?

Con lo slittamento della scadenza della presentazione del 730 precompilato quello che tutti si chiedono è quando arriverà il rimborso per chi è a credito.

Il COVID-19 ha modificato le nostre vite e le nostre abitudini ma ha modificato anche il Fisco. La dichiarazione dei redditi con il 730, sia precompilato che ordinario, che aveva come data di scadenza il 23 luglio, è slittata al 30 settembre come termine ultimo. Ma a questo punto slittano anche i rimborsi?

Rimborsi 730 precompilato

La risposta è: assolutamente no. E’ possibile, infatti ricevere il rimborso del 730 nella busta paga di luglio, come ogni anno. Ma si deve essere veloci nella presentazione.

Per chi ha provveduto a presentare il modello 730 entro il 31 maggio, infatti, il rimborso avverrà come ogni anno con la retribuzione di giugno, corrisposta a luglio.

Discorso diverso, invece, per chi non ha presentato il modello dichiarativo entro il 31 maggio ma si appresta a farlo nel mese di giugno, luglio, agosto o addirittura settembre.

Per queste persone quando avverrà l’eventuale rimborso?

Fermo restando che chi è a debito e vuol provvedere al pagamento tramite F24 (e non facendosi scalare il dovuto dalla busta paga) la scadenza per il pagamento è fissata entro fine giugno, vediamo quando spetteranno i rimborsi per chi non è riuscito a presentare il 730 precompilato entro la fine di maggio.

La regola generale vuole che il rimborso sia contenuto nella retribuzione del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Di conseguenza per chi presenterà la dichiarazione entro la fine di giugno il rimborso sarà contenuto nelle busta paga del mese successivo, di luglio che verrà erogata ad agosto.

Per chi presenta, invece, la dichiarazione entro la fine di luglio il rimborso sarà contenuto nelle busta paga del mese successivo, di agosto che verrà erogata a settembre.

La regola generale, quindi è questa, con l’accezione che per i pensionati il rimborso arriva sempre con un mese di ritardo rispetto ai lavoratori dipendenti.