Autore: B.A

Movimento 5 Stelle

19
Nov

Privilegi da Ministro? Le immagini della misera casa romana di Toninelli postate sui social

In risposta al direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, Danilo Toninelli mostra la sua umile dimora nei pressi del Ministero.

La casa dell’ex Ministro della Difesa Elisabbetta Trenta è diventata un caso di pubblico dominio. Le polemiche sull’alloggio di servizio dove abitava a Roma, da Ministro della Repubblica sono state feroci. La Trenta è stata oggetto di critiche, oltre che dalle forze di opposizione, anche dal cosiddetto fuoco amico, perché anche in seno al suo partito (la Trenta e del Movimento 5 Stelle) le hanno chiesto di lasciare la casa che di fatto è un privilegio che non le spettava più non essendo più Ministro della Repubblica.

Le polemiche sono state forti, con la contestazione del fatto che la casa, assegnata all’ex Ministro, poi era passata in assegnazione a suo marito, un militare. Un alloggio di 180 metri quadrati, in pieno centro a Roma, con affitto mensile di 540 euro al mese. Una casa da privilegiati, con due saloni, 4 camere, due bagni, cucina con terrazza e garage interno.
Una casa totalmente diversa da quella di un altro ex Ministro grillino, nel primo governo Conte, Danilo Toninelli.

Ed è proprio l’ex Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ad essere balzato agli onori della cronaca in giornata odierna, per via del fatto che ha postato sui social network, le foto della sua umile dimora in risposta ad una polemica nata da un editoriale del direttore Alessandro Sallusti, sul suo quotidiano, «Il Giornale».

La Trenta trasloca

Notizia dell’ultima ora è che l’ex Ministro Trenta lascerà la casa della discordia, nonostante, essendo intestata al marito, poteva essere mantenuta dalla famiglia. Lo ha annunciato la stessa Trenta, in una intervista radiofonica sull’emittente «Radio 24». «Mio marito, pur essendo tutto regolare, sentendosi in imbarazzo e per salvaguardare la famiglia ha presentato istanza di rinuncia per l’alloggio», queste le parole dell’ex Ministro della Difesa. Nonostante alcune sottolineature su come è stata trattata dai suoi colleghi grillini, l’ex Ministro ha anche dichiarato di restare nel Movimento 5 Stelle. In pratica, nessuno strascico politico, anche se evidentemente la vicenda alla Trenta ha lasciato profonda amarezza.

Sallusti contro Toninelli

Sallusti è stato autore di un editoriale molto pesante nei confronti dell’ex titolare del Ministero della Difesa ai tempi del governo Lega-M5S. Nell’inveire contro la Trenta, Sallusti si poneva una domanda che probabilmente è comune a molti. «Gli altri ex Ministri del Movimento 5 Stelle che non sono stati riconfermati nel governo Conte bis, hanno lasciato i privilegi di cui godevano quando erano Ministri», questo il quesito di Sallusti che ha scatenato una reazione particolare in Danilo Toninelli, ex Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Toninelli su Facebok, tramite il suo profilo ufficiale, ha risposto con un post alle nemmeno troppo celate accuse di Sallusti. Evidentemente sentitosi chiamato in causa, Toninelli ha postato la fotografia dell’alloggio in cui abitava durante il periodo di carica al Ministero da lui detenuto. Una casa diametralmente opposta a quella dell’ex Ministro Elisabetta Trenta.

Le foto sono eloquenti perché si tratta di un bilocale da 30 mq con affitto da 1.000 euro al mese. La zona del bilocale romano era quella di Porta Pia, in zona Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
«Visto come viveva un Ministro che ha pensato solo ed esclusivamente al bene dei cittadini?», questo il polemico post di Toninelli che ha pubblicato anche la copia, censurata nel nome del locatore, de contratto di fitto a lui intestato. «Se ha il coraggio, Sallusti metta la foto della mia reggia sulla prima pagina del suo giornale», questa la sfida che Toninelli ha lanciato al direttore del Giornale.