Autore: B.A

Governo - Giuseppe Conte

Politica: avviso di garanzia Conte e 6 ministri, cosa rischiano, perché e gli effetti

Per la gestione dell’emergenza Covid, il Premier e 6 ministri hanno ricevuto l’avviso di garanzia.

Il Premier Giuseppe Conte e i Ministri Bonafede, Di Maio, Gualtieri, Guerini, Lamorgese e Speranza, hanno ricevuto da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, un avviso di garanzia.

Si tratta di un atto formalmente dovuto scaturito da varie denunce da parte di quelli che in gergo si definiscono soggetti terzi. Tutte denunce che fanno riferimento all’emergenza epidemiologica e alla gestione della stessa da parte del governo.

Perché avviso di garanzia a Conte e ministri

L’avviso di garanzia nasce da diverse denunce presentate in tutta Italia che riguardano la gestione da parte del governo, dell’emergenza Covid. Si tratta di denunce che riguardano diverse violazioni di legge e che richiamano, come si legge sulla nota agenzia di stampa «Ansa», diversi articoli del Codice penale. Si va dai delitti colposi contro la salute pubblica all’omicidio colposo, dall’abuso d’ufficio all’attentato contro la Costituzione.

TI POTREBBE INTERESSARE: Covid: i 4 possibili scenari autunnali

Partite le indagini sulla gestione dell’emergenza Covid

Ricapitolando, a seguito di svariate denunce, i PM di Roma hanno recapitato a Conte e a parte della sua squadra di governo, un avviso di garanzia sulla gestione dell’emergenza Covid.

E i PM hanno subito fatto scattare le indagini per la verifica di come il Governo ha gestito la pandemia, ricevendo da Palazzo Chigi la piena disponibilità alla collaborazione.

Infatti, Conte e i ministri interessati si sono detti disponibili fin da subito a fornire ai magistrati ogni elemento utile per completare l’iter procedimentale, in uno spirito di massima collaborazione, così si legge nella nota di Palazzo Chigi con cui si dà la conferma della ricezione dell’avviso di garanzia.

Occorre ricordare che l’avviso di garanzia non è altro che l’atto con cui un PM avvisa l’interessato durante le indagini investigative. In altri termini, si tratta di una comunicazione riguardo al coinvolgimento del soggetto avvisato, in una indagine. E infatti sono partite le indagini su come il governo ha affrontato l’emergenza coronavirus.

Cosa rischiano i ministri e il Premier

Come dicevamo, oltre al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche a 6 ministri sono arrivati gli avvisi di garanzia. Si tratta del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio, del Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, del Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e del Ministro della Salute Roberto Speranza. I vari reati contestati sono l’epidemia, I delitti colposi contro la salute, l’omicidio colposo, l’abuso d’ufficio, l’attentato contro la Costituzione e l’attentato contro i diritti politici del cittadino.

Dal momento che sembra pressoché certo che la Procura chiederà l’archiviazione del caso e di tutte le accuse, tutti i soggetti interessati da questi avvisi di garanzia non dovrebbero correre alcun rischio. Come dicevamo, avviso di garanzia non significa alcuna colpevolezza per chi lo riceve, a prescindere dal reato di cui è oggetto l’avviso stesso.