Papa Francesco ringrazia l’infermiere che gli ha salvato la vita

Papa Francesco ringrazia l'infermiere che gli ha salvato la vita

Il Pontefice, in un’intervista alla radio spagnola Cope, racconta di essere vivo grazie all’esperienza di un sanitario

A quasi due mesi dall’intervento chirurgico al Policlinico Gemelli di Roma, per una stenosi diverticolare del sigma, che ha comportato una rimozione di una parte del colon, Papa Francesco, torna a parlare di questo episodio durante un’intervista in esclusiva alla radio spagnola Cope, che sarà trasmessa integralmente mercoledì 1° settembre.

Papa Francesco: “Sono vivo, mi ha salvato un infermiere”

Il Santo Padre, in un breve estratto dell’intervista, già reso pubblico, alla domanda del giornalista: “Santo Padre, come sta?” ha così risposto: “Sono ancora vivo. Devo ringraziare un infermiere, di grande esperienza, che mi ha salvato la vita”.

Il Pontefice si riferisce a Massimiliano Strappetti, sanitario della Città del Vaticano, che insieme ad un suo collega, ha assistito Papa Francesco, prima e dopo l’intervento, accorgendosi che c’era qualcosa che non andava bene.

Lo scorso 4 luglio, dopo il consueto appuntamento con l’Angelus in Piazza San Pietro, Papa Francesco si era recato in ospedale per un intervento programmato al colon, ma sul quale aveva mantenuto il più stretto riserbo.

Dopo 10 giorni di degenza, il Pontefice era poi tornato in Vaticano e aveva ripreso i suoi impegni, anche se nell’ultima udienza dello scorso venerdì, si era scusato, con i parlamentari cattolici presenti, perché parlava da seduto, come gli era stato prescritto dai medici nel periodo post-operatorio.

Nell’intervista, il Santo Padre ha sottolineato che si tratta della seconda volta che la sua vita viene salvata dall’intuizione di un sanitario. Il precedente nel 1957 quando fu operato ad un polmone. In quella occasione una suora italiana, opponendosi al volere dei medici, decise di cambiare la medicazione al giovane seminarista Jorge Bergoglio.

Papa Francesco sulle voci di dimissioni

Nell’intervista, la prima dopo l’intervento chirurgico di luglio, il Pontefice ha anche risposto alle voci che circolano da qualche giorno, sulle sue possibili dimissioni dall’incarico per motivi di salute.

"Quando un Papa è malato, si alza un vento o un uragano di Conclave", le parole di Papa Francesco, che ha confermato il prossimo viaggio apostolico in Ungheria e Slovacchia in programma dal 12 al 15 settembre.