Autore: B.A

Nuovo calendario 730 2020, ecco cosa cambia!

Cambia la scadenza del 730 e quella delle Certificazioni Ultime, il 28 febbraio il CDM ha emanato il decreto sull’emergenza economica dal coronavirus.

E fu così che il contagio da coronavirus in Italia influì anche sulle scadenza fiscali della popolazione. Infatti è notizia di ieri che il governo ha deciso di spostare la data di scadenza per le dichiarazioni dei redditi pproprio in virtù dello stato di emergenza in cui vessano diverse Regioni italiane. Come riportato da tante agenzie di stampa, quest’anno si avrà più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi proprio per via del coronavirus.

Le difficoltà che la popolazione sta riscontrando in queste lunghe settimane di epidemia, tra ricoveri, analisi, tamponi e quarantene, produrrà anche questo effetto, cioè il rinvio dei termini di presentazione del modello 730, il primo modello in ordine di tempo, con cui gli italiani comunemente dichiarano i redditi e pagano le tasse. Vediamo cosa c’è di nuovo e cosa cambia per i contribuenti in tutta Italia.

Il calendario fiscale rivoluzionato

Dal 2021 le Entrate seguiranno un nuovo calendario fiscale che prevede tra le altre cose, la scadenza del modello 730 di dichiarazione dei redditi, a fine settembre. Una rivoluzione programmata per l’anno prossimo che a causa del coronavirus subirà un anticipo, diventando buona anche quest’anno. Infatti il governo anticipa di un anno il nuovo calendario fiscale.

Le ipotesi iniziali, che davano questa nuova scadenza valida solo per le zone maggiormente colpite dal coronavirus, cioè la zona rossa in Lombardia e Veneto, sono state disattese. La novità riguarda l’intero territorio nazionale, tutta la penisola italiana. La novità per tutti i contribuenti italiani è che il modello 730, uscirà il prossimo 5 maggio. Naturalmente parliamo del 730 nella versione precompilata, che sarà disponibile per i contribuenti, con diversi giorni di ritardo rispetto al previsto. Infatti si passa dal 15 aprile al 5 maggio.

Cambia naturalmente anche la scadenza

L’uscita in ritardo del 730, causerà anche la proroga della sua presentazione. Infatti si è deciso di spostare al scadenza da luglio a settembre. In altri termini, quest’anno il modello 730/2020 si potrà presentare fino al 30 settembre. La novità fiscale fuoriesce dal nuovo decreto legge in materia fiscale, a seguito della recente emergenza economica innescata dal coronavirus.

Il decreto è stato varato dal Consiglio dei Ministri presieduto dal Premier Giuseppe Conte lo scorso 28 febbraio. Il governo non ha fatto altro che assecondare le richieste provenienti dal mondo fiscale, soprattutto da Ernesto Maria Ruffini, il direttore generale della nostra Agenzia delle Entrate che evidentemente ha voluto a sua volta assecondare le richieste provenienti da Caf e professionisti del settore.

Cambia anche il termine ultimo per i datori di lavoro per l’invio delle Certificazioni Uniche che slitta dal 9 al 31 marzo 2020. Naturalmente tutte queste scadenze rappresentano il limite massimo, perché è evidente che per chi andrà a rimborso fiscalmente, resta il fatto che prima si presenta il modello 730, prima si ricevono i conguagli fiscali a credito derivanti dalle spese scaricate.