Napoli aiuterà Roma nella gestione dei rifiuti

Napoli aiuterà Roma nella gestione dei rifiuti

Luigi de Magistris ha annunciato che SAPNA, la società che gestisce i rifiuti di Napoli e della città metropolitana, si farà carico di circa 150 tonnellate di rifiuti al giorno provenienti da Roma.

Il mese di settembre sarà per lui l’ultimo in qualità di sindaco di Napoli, la città dov’è nato. Luigi de Magistris a brevissimo abbandonerà Palazzo San Giacomo e la Campania ma rimarrà in politica, in quanto candidato alla carica di presidente della Regione Calabria.

Ultimi provvedimenti dell’epoca DeMa

Sono le battute finali per l’amministrazione “arancione” che aveva entusiasmato i napoletani soprattutto nel primo quinquennio, segnato da una rinascita del turismo. Mentre nel secondo mandato, dal 2016 al 2021, i ’fan’ del sindaco di estrema sinistra sono via via diminuiti.

Il provvedimento annunciato quest’oggi sarà una degli ultimi da sindaco di Napoli ma ha un peso mediatico oggettivamente grande: la città partenopea ‘aiuterà’ Roma a mitigare l’emergenza rifiuti.

De Magistris, infatti, ha autorizzato la SAPNA a ricevere circa 150 tonnellate di rifiuti al giorno provenienti dalla Capitale. Una mossa utile a limitare il conferimento dell’intera regione Lazio. Più precisamente la spazzatura arriverà a Napoli dal 4 ottobre fino al 31 dicembre di quest’anno. Lo ha annunciato l’attuale candidato a presidente della Calabria in un lungo post pubblicato su Facebook nella tarda mattinata di oggi.

Il post di De Magistris

L’ex magistrato ha assicurato che i dirigenti del Comune e della Sapna, la società che gestisce i rifiuti a Napoli e in tutta la città metropolitana, ‘hanno effettuato tutte le verifiche tecniche del caso’ prima di accettare il conferimento straordinario di rifiuti.

De Magistris non ha risparmiato qualche frecciatina ad alcuni suoi colleghi politici, interrogandosi sul motivo per cui “una capitale che è stata destinataria di due leggi speciali si trovi in questa situazione”.

Non solo: le stesse personalità e gli stessi partiti che oggi gli chiedono aiuto a suo avviso hanno fatto “poco o nulla” per Napoli negli ultimi anni.

Il sindaco di Napoli ha affermato che l’intervento di Sapna va a scongiurare “una crisi gravissima sui rifiuti che avrebbe conseguenze disastrose per il popolo romano ed anche per il paese intero per la ricaduta d’immagine che ne conseguirebbe”.