Autore: Francesca Cavaleri

Banche - Mutuo

Mutui e assicurazioni: cos’è obbligatorio e cosa no?

Quando si sottoscrive un contratto di mutuo, ci sono varie assicurazioni che possono essere scelte. Alcune sono obbligatorie e altre volontarie, tutto quello che c’è da sapere.

Con l’acronimo Cpi (Credit protection Insurance) si identificano tutte le assicurazioni, che possono essere legate, al mutuo per l’acquisto di un immobile. Riguardano le più svariate motivazioni: perdita di lavoro, vita, incendio e scoppio, invalidità e sospensione.

La Banca, però, non può vincolare il cliente alla sottoscrizioni di queste polizze. Anche perchè, si tratta di premi che possono essere pagati anticipatamente, o ratealmente, ma senza nessuno obbligo.

Mutui & assicurazioni: scoppio ed incendio

Comprare casa per molti è un sogno. E quando si trova quello che si desidera, ma non si hanno i soldi, occorre rivolgersi ad un istituto di credito. La banca verificata la capacità reddituale del richiedente ed il valore dell’immobile oggetto di acquisto, concede il mutuo ipotecario.

A questo punto, l’unica polizza assicurativa obbligatoria, per legge, è quella che protegge l’immobile da scoppio ed incendio.

In altre parole, per tutta la durata del contratto di mutuo, la polizza assicura la casa da eventi accidentali. Lo scoppio, l’incendio, magari a causa di un fulmine o fuoriuscita del gas, ne sono esempi. L’assicurazione viene proposta dalla banca, tramite una compagnia a cui si affida, ma il cliente è libero di scegliere anche un’altra società.

Mutui & assicurazioni: le polizza per perdita d’impiego

Altre importanti assicurazioni, seppur non obbligatorie, sono quelle che riguardano la perdita di lavoro, la morte o l’invalidità del sottoscrittore. L’assicurazione per perdita d’impiego protegge il lavoratore, quando viene licenziato.

Questo tipo di polizza è sempre più richiesta da chi firma il proprio mutuo. Del resto protegge lui, il suo investimento ed i familiari. Il premio assicurativo può essere pagato o al momento della sottoscrizione, oppure mensilmente o semestralmente, a seconda delle esigenze del cliente.

La polizza assicurative per perdita di lavoro copre tre eventi:

  • il licenziamento,
  • la perdita d’impiego
  • la riduzione del reddito da lavoro.

Cioè, anche se lo stipendio dovesse essere diminuito per qualche motivazione. La sottoscrizione può essere fatta da chiunque, purchè abbia un’età compresa tra 18 e 65 anni.

Mutui & assicurazioni: le altre polizze volontarie

Un’altra polizza molto diffusa è quella sulla vita del richiedente il mutuo. Con questa assicurazione, la compagnia garantisce, in caso di decesso del sottoscrittore, il pagamento della somma assicurata. Questa somma, di solito, è pari al valore del debito residuo. Anche in questo caso, la banca ha certezza del pagamento del suo investimento.

La polizza infortuni e/o malattia dà la possibilità all’assicurato di far fronte ai suoi impegni nei confronti della banca, nei casi in cui diventa invalido o in caso di malattia. La polizza infortuni copre gli eventi dovuti a causa violenta, fortuita ed esterna, che provocano lesioni fisiche, tanto da portare alla malattia o l’invalidità temporanea o permanente. Queste ultime sono polizze che vengono principalmente sottoscritte da chi svolge un’attività autonoma.

Infine, le polizze possono essere anche multirischi, che coprono, appunto, 2/3 rischi in capo allo stesso sottoscrittore.