Muore dopo una lunga malattia Paolo Bonaiuti, il portavoce di Silvio Berlusconi

Ci lascia Paolo Bonaiuti, politico e giornalista italiano, portavoce di Silvio Berlusconi e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Dopo una lunga malattia, il politico e giornalista Paolo Bonaiuti è morto all’età di 79 anni. A poche ore dalla morte Silvio Berlusconi ha commentato l’accaduto:

è stato un collaboratore particolarmente prezioso e soprattutto un grande amico col quale ho condiviso un lungo percorso. Mi è mancato molto in questi ultimi anni e mi mancherà a maggior ragione ora che è scomparso prematuramente. Lascia un grande vuoto in tutte le persone che gli hanno voluto bene, a partire dalla moglie Daniela alla quale mi unisco con un forte ed affettuoso abbraccio.

 

Chi era Paolo Bonaiuti?

I suoi incarichi sono stati innumerevoli come anche i suoi percorsi di vita.
Dottore in Giurisprudenza, ha avuto un passato da insegnante di lingua inglese e copywriter fin quando non ha iniziato il suo percorso giornalistico.
Fu capo del servizio economico del Giorno di Milano, nel 1984 entra al Messaggero di Roma come inviato e come editorialista.
È riuscito a raggiungere mete importanti come la BBC, la Radio della Svizzera Italiana e altri media stranieri.

Dal 1996 entra in politica come deputato con Forza Italia. Nel 2001 diviene Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri fino al 2011, quando cadrà il Governo Berlusconi.
Successivamente viene eletto come Senatore per il Popolo della Libertà nella circoscrizione Lombardia fino a quando, nel novembre 2013 aderisce di nuovo a Forza Italia. Dal 2014, però lascerà anche Forza Italia, aderendo al Nuovo Centrodestra con Alfano.
Nel 2017, con la sospensione del partito, confluirà in Alternativa Popolare.