Autore: Liliana Terlizzi

Sicilia

Mondello: festa di compleanno in limousine tra alcool e assembramenti, 8 denunciati

Un gruppo di ragazzi di Mondello sono stati fermati dalla Polizia perché assembrati all’interno di una limousine per festeggiare un compleanno.

Locali chiusi? Poco male, il compleanno lo si festeggia in auto. Purtroppo, però, in tempi di pandemia l’epilogo è lo stesso: se le forze dell’ordine se ne accorgono, fermano tutto e fanno partire le denunce.

La festa di compleanno a Mondello

Attualmente la Sicilia, dopo un periodo di zona arancione, è diventata «gialla» ma i divieti di assembramento rimangono validi, così come in tutta Italia.

Essendo impossibile festeggiare in locali e ristoranti/bar, per via della chiusura alle 18 e per via del divieto di assembramenti, un gruppo di giovani palermitani ha scelto di festeggiare il compleanno di un loro membro all’interno di una mega limousine presa a noleggio.

Negli ultimi anni, prima del COVID, non era raro notarle, specialmente nelle grandi città italiane: quelle grosse auto che al loro interno hanno spazio a sufficienza anche per una festa. Solitamente ospitavano festini privati, soprattutto 18esimi.

La festa è finita

E infatti la limousine fermata a Mondello dalla Polizia Stradale del posto era a tutti gli effetti una mini discoteca mobile. 8 le persone all’interno, tutte senza mascherina e con diverse bottiglie di alcolici a disposizione.

Nel tardo pomeriggio di ieri quel mezzo e le luci colorate visibili dall’esterno sono state notate da alcuni poliziotti in viale Regina Elena. Questi hanno intimato l’alt all’autista del mezzo e hanno effettuato un controllo al suo interno. Qui sono stati trovati 8 giovani del posto (di cui una ragazza minorenne) intenti a festeggiare il compleanno di un componente del gruppo.

I giovani andavano due volte contro le leggi attualmente in vigore: sia perché erano assembrati in un luogo chiuso (e molto ristretto) e senza mascherina, sia perché la limousine omologata per 8 persone era occupata al 100%. Attualmente per i mezzi pubblici, compresi gli NCC, è previsto un riempimento non superiore al 50 per cento.

La festa, purtroppo per loro, è stata interrotta sul più bello. Ma se anche uno di loro fosse stato positivo al COVID, le probabilità che ne abbia infettato almeno la metà sono alte.

LEGGI ANCHE: Sedicenne alla guida passa 4 volte col rosso, multa da 6000€