Miss Italia 2021: salta, per Covid, la finale del concorso di bellezza

Due ragazze positive: finale rinviata al mese di gennaio

La finale del concorso di Miss Italia 2021, in programma domenica 19 dicembre al Casinò di Venezia, è stata rinviata. È questa la notizia diffusa dall’organizzazione della manifestazione che, da 82 anni, elegge la più bella del nostro paese. Possibile recupero nel prossimo mese di gennaio.

Due ragazze positive al Covid: finale di Miss Italia rinviata

La dolorosa decisione è stata presa per due casi di positività tra le concorrenti, riscontratisi dopo i controlli di routine a cui sono sottoposte le ragazze in gara. È stata la patron Patrizia Mirigliani a diffondere la notizia tramite i canali social della manifestazione.

"Siamo molto dispiaciuti, ma siamo certi di aver deciso in modo giusto, perché la salute viene prima di tutto e lo spirito di Miss Italia è sempre stato quello di guardare, in primo luogo, al bene delle ragazze", le parole di Patrizia Mirigliani, che, prima dell’ufficialità alla stampa, aveva anticipato la decisione alle finaliste, non nascondendo un momento di commozione.

Sulla stessa linea d’onda anche Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia: "Per noi la sicurezza delle persone viene prima di tutto. Ringrazio l’organizzazione di Miss Italia, del Comune di Venezia e di Vela spa per l’azione a tutela delle ragazze e dei collaboratori".

Possibile recupero nel mese di gennaio

La prima ipotesi di una data per il recupero della serata e dell’incoronazione della ragazza, che succederà alla Miss in carica, Martina Sambucini, è per il mese di gennaio, anche se si dovrà valutare l’evoluzione della pandemia e le conseguenti restrizioni.

L’evento sarebbe dovuto andare in onda sulla piattaforma streaming Helbiz Live, dove già da lunedì 13, viene trasmesso un mini reality, con il racconto del concorso.

La conduzione della finale, a cui partecipano 20 ragazze per il titolo di Miss Italia, e 10 ragazze per il titolo di Miss Italia Social, era stata affidata ad Elettra Lamborghini e alla iena Alessandro Di Sarno.