Milano, pitbull contro carabiniere: militare spara per difendersi, ferita una ragazza

Milano, pitbull contro carabiniere: militare spara per difendersi, ferita una ragazza

Il fatto si è verificato a Milano nella zona delle colonne di San Lorenzo

È la zona di delle colonne di San Lorenzo a Milano il teatro di una vicenda di cronaca che ha coinvolto un carabiniere, un pitbull e una ragazza ferita da un colpo d’arma da fuoco, oltre a due tedeschi rapinati. Il fatto ha avuto luogo attorno all’1 della notte tra giovedì e venerdì ed è arrivato al culmine di un’articolata vicenda di cronaca partita da una rapina ai danni di due giovani tedeschi. A loro volta aggrediti con l’ausilio di un cane, aizzato contro di essi.

Milano, il Carabiniere ha sparato per difendersi

Secondo le prime ricostruzioni il proprietario del cane avrebbe aizzato il proprio animale contro il carabiniere, il quale sarebbe stato azzannato prima ad un braccio e poi ad entrambe le gambe.

Il tentativo di difendersi dall’aggressione del pitbull non ha avuto inizialmente un esito positivo e l’uomo delle forze dell’ordine si sarebbe visto costretto a utilizzare la propria arma da fuoco per divincolarsi dalla morsa dell’animale. Sarebbero stati necessari due colpi di pistola e il ferimento del cane per porre fine al duello. Nel fatto è rimasta coinvolta una ragazza che è stata ferita nel corso della sparatoria.

Tutto nasce da una denuncia fatta da due giovani tedeschi che erano stati derubati dalle catenine da due uomini. Questo li ha indotti a fermare i Carabinieri, ai quali hanno raccontato di aver subito una rapina, con due pitbull che erano stati praticamente utilizzati per aggredirli. Uno dei due cani, indotto dal loro padrone, li aveva aggrediti, mordendo uno dei due alla gamba.

Prima c’era stata una rapina

Acquisita la descrizione dei fatti e verosimilmente qualche indizio legato alle fattezze dei rapinatori, i Carabinieri li hanno individuati in zona colonne di San Lorenzo. I militari hanno intimato ai due soggetti di legare i cani che li accompagnavano, ma uno dei due ha, come descritto, aizzato il pitbull contro i militari.

A nulla è servito l’intervento del collega che aveva provato a fermare l’azione del pitbull con lo spray in dotazione alle forze dell’ordine. L’intervento di altri militari ha consentito di bloccare il proprietario del cane, arrestato per rapina, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Le condizioni di alcuni dei protagonisti

Il fatto si è verificato in piena notte, in un periodo in cui vige ancora il coprifuoco. Nonostante il divieto di circolazione notturna, la vicenda si è consumata in un contesto in cui c’erano molte persone.

Uno dei due ragazzi che ha subito la rapina è stato portato in ospedale e giudicato guaribile in sei giorni. Il militare azzannato dal cane è ricoverato in ospedale sotto osservazione. Il pitbull ferito , invece, è stato trasportato in una clinica veterinaria, dove è stato medicato e viene considerato, seppur ferito, in buone condizioni.