Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

9
Mar

Mangiare limone tutti i giorni, ecco cosa accade al nostro corpo

Un frutto aspro al gusto ma importante per il nostro organismo, questo è il limone.

Mangiare limone tutti i giorni fa male? In base a ciò che dice la medicina sembrerebbe di no, perché mangiare questo agrume non sembra dare particolari problemi. Come sempre però, occorre conoscere bene il proprio organismo e sapere bene cosa è possibile fare e cosa no, cosa è possibile mangiare e cosa no. In questi casi meglio andare sul sicuro, meglio chiedere un parere al medico. Fatto sta che dal punto di vista nutrizionale, mangiare ogni giorno il limone non da problemi, anzi, ci sono incredibili effetti positivi che magari pochi conoscono.

TI POTREBBE INTERESSARE: Farina: come conservarla, ecco alcuni consigli utili

Mangiare limoni ogni giorno si può?

L’uso giornaliero di questo agrume molto diffuso e molto popolare non presenta particolari controindicazioni, almeno stando alle più diffuse teorie scientifiche e della medicina. Il limone può essere mangiato da tutti, anche da chi soffre di ulcere, acidosi o da chi ha infiammazioni alla bocca, ma in questo caso è meglio diluire il succo dell’agrume in acqua. Solo per chi soffre di gastrite o reflusso gastrico, bisogna prestare attenzione alla possibilità che il limone possa causare e aumentare le acidità di stomaco e la irritazione delle mucose.

Gli effetti diuretici del limone sono abbastanza conosciuti. Il consumo frequente e quotidiano di limone favorisce la diuresi costringendo i consumatori a ricorrere frequentemente alla toilette. Il limone è ricco di acidi citrico e questo può essere nocivo per lo smalto dentale.

TI POTREBBE INTERESSARE: Perché troppo sale fa male? La risposta della medicina

I benefici più importanti del limone

Il limone è un antiossidante ed ha una enorme percentuale di vitamina C. Assodato gli effetti che questa grande quantità di vitamina C produce. Infatti il limone sembra che svolga un’importante azione sia contro le malattie degenerative, sia contro l’invecchiamento delle cellule. Il limone è importante anche come aiuto alle difese immunitarie, poiché grazie alle vitamine (oltre alla C anche A, K e quelle del gruppo B) in esso contenute, è un valido rimedio naturale contro virus e batteri, che sono le cause di febbre, raffreddore, mal di gola e tosse.

Addirittura sembra che il limone sia un potente coadiuvante che è capace di distruggere i calcoli alla cistifellea. Tra le proprietà del limone, anche quella anticoagulante. In pratica, il limone mantiene più fluido il sangue grazie alla presenza di acido citrico, mentre tiene più basso l’acido urico riducendo i rischi di contrarre insufficienza renale e calcoli renali. Le proprietà diuretiche inoltre rendono il limone un potente disintossicante, che aiuta il corpo ad espellere le tossine.

TI POTREBBE INTERESSARE: Quale cacao fa bene alla salute? Ecco la risposta

Alcune ricerche hanno scoperto che il limone potrebbe avere anche alcuni effetti anti-tumorali, soprattutto contro quelli che colpiscono intestino, pancreas, fegato e stomaco. Tutte proprietà queste che quindi mettono il limone ai primi posti come alimenti da utilizzare, sempre tenendo presente che ogni individuo è diverso dall’altro e che quando si parla di alimentazione occorre prestare cautela.