Autore: Liliana Terlizzi

Istruzione - Coronavirus

«La Azzolina ha nascosto i numeri dei contagi a scuola», il duro attacco

Franco Bechis de «Il Tempo» attacca duramente la Ministra Azzolina: avrebbe nascosto i dati sui reali contagi avvenuti nelle scuole italiane.

Sull’edizione odierna de “Il Tempo” compare un articolo molto critico nei confronti della Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina. Il pezzo, a firma di Franco Bechis, accusa la Ministra di aver “nascosto i veri contagi a scuola”.

La battaglia per la scuola in presenza

È risaputo che la Azzolina sta conducendo una battaglia per far tornare gli alunni in aula il prima possibile.

Nelle cosiddette zone rosse, tuttavia, le scuole elementari, medie e superiori sono rimaste chiuse proprio perché considerate potenziale fonte di contagi.

Nell’articolo de Il Tempo viene citato un documento pubblicato dalla rivista Wired, che ha richiesto un accesso agli atti del Ministero della Pubblica Istruzione sul numero di contagiati nelle scuole di tutto il paese.

Dalle carte risulta che al 31 ottobre, tra studenti e personale, le persone che hanno contratto il COVID era di 64.980.

Tuttavia il documento si riferisce solo a dati raccolti grazie a questionari inviati volontariamente dai presidi. Non solo: a rispondere erano stati poco più di un terzo dei comuni italiani. Va da sé che la cifra sia in evidente difetto rispetto ai numeri reali.

L’affondo di Bechis

Bechis sostiene come si tratti di “una percentuale di contagi superiore a quella rilevata fra tutti i cittadini di ogni categoria, in alcune Regioni anche due volte la media generale”.

Il giornalista cita anche Vincenzo De Luca, l’unico presidente di una regione italiana a chiudere arbitrariamente le scuole su tutto il territorio di competenza, andando ovviamente contro il volere della Azzolina.

Bechis, inoltre, scrive che Agostino Miozzo del Comitato tecnico scientifico non avrebbe ricevuto dalla Azzolina i dati contenuti in quel documento pubblicato da Wired. Lui stesso, durante un incontro della Commissione cultura alla Camera ha dichiarato di averli letti ‘frettolosamente’ e di non saperli spiegare perché il Ministero della Pubblica Istruzione non glieli aveva mai trasmessi.

Matteo Orfini, deputato del PD e quindi parte della maggioranza di Governo, ha definito “sconcertante” il fatto che la Azzolina non abbia inviato al CTS i dati sui contagi a scuola.

Nel prosieguo dell’articolo il giornalista de “Il Tempo” attacca duramente la Azzolina e la maggioranza di Governo, definendoli tutti professionisti dello scaricabarile.