Governo Draghi, secondo giro di consultazioni: il programma di oggi

Governo Draghi, secondo giro di consultazioni: il programma di oggi

Anche Berlusconi e Grillo da Draghi oggi 9 febbraio? Manca l’ufficialità

Dopo i partiti più piccoli che ieri hanno inaugurato il secondo giro di consultazioni dal presidente incaricato Mario Draghi, oggi tornano a Palazzo Chigi i grandi.

Si entra nel vivo delle consultazioni, il secondo giro che verrà completato oggi. Tutto sembra andare verso una maggioranza allargata, con solo Fratelli d’Italia fuori dal governo, anche se sui grillini adesso c’è il punto interrogativo della piattaforma Rousseau.

Governo Draghi: al via il secondo giro di consultazioni, si pare alle 11.00 di oggi 9 Febbraio 2021

Inizia alle ore 11.00 l’ultima giornata di incontri dell’ex presidente della Bce e Premier incaricato, Mario Draghi. Oggi come ieri, quando Draghi ha incontrato i partiti minori, si entrerà più nel dettaglio delle cose da fare, perché durante il primo giro il Presidente del Consiglio incaricato ha per lo più ascoltato.

La situazione comunque sembra delineata, perché l’appoggio al nuovo governo che sta per nascere sarà trasversale. Solo la Meloni sarà all’opposizione per presa di posizione. Resta il fatto che da domani parte la consultazione sulla piattaforma Rousseau degli iscritti al Movimento 5 Stelle. Agli iscritti viene chiesto se sono d’accordo con l’appoggio al governo Draghi da parte del movimento.

Un si non scontato, anche se storicamente dalle votazioni di Rousseau non è mai uscito un voto contrario alla linea presa dalla direzione del partito, anche per questioni più spinose dell’appoggio a Draghi. Immaginare che gli iscritti dicano no al governo seguendo la frangia Di Battista e il «o Conte o voto» appare azzardato.

Consultazioni Governo Draghi: il programma odierno

Alle 11.00 si parte con il gruppo di Europeisti-Maie-Centro democratico. È il gruppo nato durante la crisi indotta da Italia Viva, che aveva appoggiato anche Conte. Poi in ordine: Liberi e Uguali, Italia Viva e Fratelli d’Italia. Nel pomeriggio gli altri, con Partito Democratico, Forza Italia, Udc, Lega e Movimento 5 Stelle.

Per come sembra, Draghi sta piuttosto tranquillo, perché nessuno appare indispensabile dal momento che il Premier incaricato gode di una vasta maggioranza. L’importanza del momento spinge a credere che potrebbero presentarsi a Roma anche i leader di Forza Italia e Movimento 5 Stelle, cioè Silvio Berlusconi e Beppe Grillo. Conferme ufficiali non ce ne sono ancora però.

Stando alle ultime notizie pare che una volta chiuso il capitolo consultazioni Draghi riferirà al Capo dello Stato, Sergio Mattarella e accetterà di sicuro l’incarico, con il giuramento del governo e la fiducia in aula entro venerdì. Attesa anche per la composizione del nuovo governo, con i Ministri da nominare nel mix tra tecnici e politici di cui da giorni si parla.

Proprio sui nomi qualche anticipazione dovrebbe uscire oggi dal momento che appare impossibile che sui grandi partiti Draghi non accenni nulla sui Ministri che andranno a formare la sua nuova squadra di governo. In serata sicuramente se ne saprà di più, quando le consultazioni saranno finite.