Governo Draghi, Boldrini: «Continuerò ad essere avversaria di Salvini, c’è chi sta facendo salti mortali»

Governo Draghi, Boldrini: «Continuerò ad essere avversaria di Salvini, c'è chi sta facendo salti mortali»

Laura Boldrini, intervistata nel corso di Tagadà su La7, ha spiegato come vivrà l’eventuale convivenza con la Lega e Matteo Salvini.

Il governo di Mario Draghi, tra qualche giorno, potrebbe e dovrebbe essere realtà. Quello del premier incaricato non sarà certo un compito facile. Anche perché al suo tavolo potrebbero sedere forze politiche storicamente tra loro ostili e personalità che, negli ultimi anni, non hanno mai mostrato simpatia l’uno verso l’altro. Sono stati, ad esempio, spesso aspri i confronti tra Matteo Salvini e Laura Boldrini.

L’attualità dice che, presto Pd e Lega, potrebbero fare parte dello stesso governo. “Io - ha ammesso la deputata dem - continuerò ad essere avversaria di Matteo Salvini e lui mi considererà avversaria. Non è che questo cambia”. Le sue parole sono arrivate nel corso della trasmissione Tagadà di La7 e, nell’occasione, ha avuto anche modo di tirar qualche frecciata verso il leghista.

Governo Draghi, Boldrini sottolinea la sua coerenza

Laura Boldrini ha sottolineato come, al momento, non si sa ancora quale sia il perimetro e il programma entro in cui si muoverà il governo per il quale Mario Draghi sta lavorando. Ha però messo in chiaro in alcuni concetti, con particolare riferimento alla propria coerenza.

“Io - ha evidenziato la deputata del Partito Democratico - sono rimasta sui miei punti di riferimento e la mia bussola. Continuo ad essere europeista come sono sempre stata, continuo a dire che l’immigrazione va gestita nel rispetto dei diritti e nei doveri delle persone”.

“Continuo - ha proseguito - a essere convinta che Putin non sia un riferimento politico, ma un despota. Continuo a dire che sono felice che abbia vinto Biden perché è una figura democratica". “C’è chi - ha affermato - invece sta facendo salti mortali. Da essere sovranista è diventato europeista".

Totoministri nuovo governo Draghi, l’idea della Boldrini su Salvini

C’è, inoltre, attesa per capire quella che sarà la strategia di Mario Draghi relativa alla nomina dei ministri. La squadra del premier incaricato, secondo indiscrezioni sempre più insistenti, potrebbe essere un mix tra tecnici e politici.

Rispetto alla possibilità che nell’esecutivo possa toccare un ruolo al leader del Carroccio, Laura Boldrini si mostra tutt’altra che entusiasta. “Matteo Salvini - ha evidenziato - l’ ha fatta l’esperienza di essere ministro e non l’ha fatta certo al meglio. Io penso che potremo avere ministri più adeguati”.

Parole quelle di Laura Boldrini che chiariscono agli osservatori della politica quanto dovrà essere, eventualmente, decisiva l’autorevolezza di Mario Draghi rispetto alla necessità di tenere unite le tante anime che promettono di sostenere il suo governo.

Governo Draghi, cosa si aspetta Laura Boldrini

Un esecutivo per il quale, in un’altra circostanza, Laura Boldrini aveva manifestato un’aspettativa precisa. “Io - aveva detto - mi aspetto dal professor Draghi un governo di qualità con figure autorevoli, riconoscibili e un governo metà uomini e metà donne”.

Ancora pochi giorni e le riserve dovrebbero essere comunque sciolte, anche sotto il profilo di quello che sarà il programma. L’idea è che, comunque, Mario Draghi difficilmente si accontenterà di essere una sorta di riassunto di ciò che ogni componente della sua potenziale maggioranza gli chiede.

Più verosimile che raccoglierà i pensieri delle forze politiche e delle parti sociali incontrate, cercando di capire cosa potrà essere compatibile con la sua proposta e riterrà utile nell’interesse del Paese.

Leggi anche: Governo Draghi, Fornero dopo la menzione: «Salvini dimostra sua piccolezza, difficile credere a conversione sincera»