Autore: Costantino Ferrulli

Giuseppe Conte

Giuseppe Conte saluta i cittadini: ecco il suo messaggio

Il Presidente del Consiglio uscente saluta i cittadini con un “arrivederci”

Il secondo Governo di Giuseppe Conte, ha esaurito il suo lavoro con il passaggio del testimone al nuovo Presidente del Consiglio, Mario Draghi. Dopo il giuramento al Quirinale del nuovo esecutivo (qui i nomi dei nuovi ministri), a Palazzo Chigi c’è stata la tradizionale cerimonia del passaggio di consegne tra il Presidente uscente il nuovo Primo Ministro.

Giuseppe Conte, dopo 988 giorni, ha consegnato la campanella del Consiglio dei Ministri a Mario Draghi e ha lasciato Palazzo Chigi, dopo aver ricevuto gli onori militari e un fragoroso e commosso applauso, da parte dei dipendenti della Presidenza del Consiglio.

Il saluto di Giuseppe Conte

Nel pomeriggio, l’ex Primo Ministro ha pubblicato un suo messaggio di saluto sui social. «Ho lavorato nel Palazzo, occupando la poltrona più importante. Ma tra i corridoi e gli uffici di Palazzo Chigi, anche alla fine delle giornate più dure e dopo le scelte più gravose, ho sempre avvertito l’orgoglio, l’onore e la responsabilità di rappresentare l’Italia», con queste parole inizia il lungo messaggio di Giuseppe Conte, che ha ringraziato i cittadini per il sostegno e l’affetto ricevuto in questi due anni e mezzo, ma anche per le critiche, che lo hanno aiutato a migliorare e a ponderare le sue decisioni.

Conte ha poi definito “incredibili”, la forza e il coraggio dimostrati dall’intera nazione nell’affrontare la pandemia, dimostrazione che ogni ostacolo può essere superato, con coraggio e scacciando via le paure.

Giuseppe Conte: «Torno a vestire i panni di semplice cittadino»

«Da oggi non sono più Presidente del Consiglio. Torno a vestire i panni di semplice cittadino. Panni che in realtà ho cercato di non dismettere mai», le parole di Conte, che in questi due anni e mezzo non ha voluto perdere il contatto con la realtà quotidiana di ogni singolo cittadino.

Il Premier uscente ha invitato tutti ad una partecipazione attiva alla vita politica, con l’impegno a riconoscere quella con la P maiuscola, che punta a migliorare la vita dei cittadini, rigettando quella cattiva politica, che fa solo l’ordinario, con il solo scopo di conservare la «poltrona».

Giuseppe Conte ha concluso ribadendo il suo impegno e la sua determinazione nel proseguire il percorso, iniziato in questa esperienza di Governo, che ha l’obiettivo di rafforzare l’equità, la solidarietà e la piena sostenibilità ambientale.

Infine un saluto che ha il sapore di un arrivederci: «La chiusura di un capitolo non ci impedisce di riempire fino in fondo le pagine della storia che vogliamo scrivere. Con l’Italia, per l’Italia. Grazie.»