Autore: Stefano Calicchio

Crisi economica

Enac attacco hacker all’ente nazionale per l’aviazione civile: si ipotizza la richiesta di un riscatto

Un attacco informatico ha colpito l’Enac: gli hacker avrebbero bloccato il sito insieme al sistema che raccoglie i nomi di tutti i viaggiatori che prendono un volo. Tecnici al lavoro per risolvere il problema.

Il sito dell’Enac figura in manutenzione da più di un giorno per via di un attacco informatico che potrebbe essere andato a colpire il cuore del sistema digitale riguardante i dati dei viaggiatori. Sul sito dell’autorità civile dell’aviazione appare al momento un avviso nel quale ci si scusa per il disagio, ma le difficoltà di fruizione dei sistemi informatici non si limitano alla navigabilità del sito web.

Rispetto a quanto rivelano diverse fonti giornalistiche, anche i dipendenti dell’ente avrebbero serie difficoltà ad utilizzare le proprie caselle di posta elettronica oppure ad accedere ai propri database digitali. La portata dell’azione è talmente vasta che fa propendere per un attacco mirato e organizzato al fine di rendere difficile ogni operatività, con l’obiettivo finale di chiedere un riscatto in denaro. In tal caso, si escluderebbe quindi l’azione dimostrativa di un haker amatoriale.

L’attacco informatico all’Enac ed il fenomeno dei ransomware

Il genere di attacco subito dall’Enac sarebbe quindi riferibile a quello dei “ransomware”. Gli hacker provvedono a installare nei sistemi informatici che vogliono colpire un virus in grado di rendere inutilizzabili i database e gli altri software di sistema, rendendoli accessibili solo attraverso una password che viene rilasciata dietro il pagamento di un riscatto (solitamente non tracciabile, ad esempio attraverso criptovalute).

Allo stesso tempo, il virus attiva anche un meccanismo a tempo. Quanto il contatore raggiunge lo zero, il ransomware procede a cancellare tutti i dati immagazzinati nei server. In passato casi come questi sono già avvenuti per banche o istituzioni pubbliche, pertanto un simile fenomeno non sarebbe nuovo o del tutto sconosciuto.

TI POTREBBE INTERESSARE: Credito di imposta per sanificazione e Agenzia delle Entrate: le info da sapere per richiedere il beneficio

Dall’Enac nessuna conferma sull’attacco hacker

Stante quanto appena riportato, bisogna evidenziare che al momento non è arrivata alcuna conferma ufficiale rispetto al blocco del sito o all’eventuale stallo nei sistemi informatici interni dell’Enac. Alcune domande specifiche poste ad un portavoce dell’Authority non hanno portato ad una presa di posizione riguardo alla vicenda.

Ovviamente, la manutenzione del sito in corso indica che i tecnici dell’Enac stanno lavorando al ripristino delle funzionalità informatiche. Non è chiaro quando il problema potrà considerarsi risolto, ma resta implicito che nessun ente o nessuna azienda può eliminare completamente il rischio di subire un attacco di questa portata.

TI POTREBBE INTERESSARE: BTP Futura per Covid, la nuova emissione del Mef: ecco le caratteristiche del titolo con cedole crescenti