Autore: Marco Della Corte

18
Apr

Emanuela Orlandi: il Vaticano è in possesso di documenti nascosti?

Continua il giallo della scomparsa di Emanuela Orlandi, sparita nel nulla 36 anni fa. Il Vaticano ha aperto le indagini.

Nuovo capitolo sul caso Emanuela Orlandi (15 anni al momento della scomparsa). Il Vaticano potrebbe avere documenti circa l’episodio di sparizione avvenuto il 22 giugno 1983. Ad affermarlo è l’avvocatessa Laura Sgrò, legale degli Orlandi, la quale è stata intervistata a Radio Cusano Campus all’interno della trasmissione ’La Storia Oscura’.

Il legale ha dichiarato: ’Il Vaticano ha sicuramente un carteggio di quello che è accaduto il 22 giugno 1983: condividiamolo, torniamo a 36 anni fa e facciamo insieme analisi per capire cosa è successo a Emanuela Orlandi’. La Sgrò ha tuttavia chiarito che questa operazione debba essere fatta in accordo con la Santa Sede.

Emanuela Orlandi: il Vaticano apre un’indagine

Nelle ultime settimane, il Vaticano ha aperto ufficialmente un’indagine per il caso di scomparsa di Emanuela Orlandi, sparita nel nulla 36 anni fa. Dopo anni di attesa, finalmente la Segreteria di Stato ha deciso di autorizzare l’apertura delle indagini, precisando che i nuovi accertamenti riguarderebbero una misteriosa tomba all’interno del cimitero teutonico.

Le dichiarazioni dell’avvocato Sgrò

L’avvocato Laura Sgrò, nel corso del suo intervento a Radio Cusano Campus, ha specificato riguardo la scomparsa di Emanuela Orlandi e l’apertura delle indagini: ’Abbiamo potuto acquisire delle informazioni, alcune pubbliche, ma purtroppo molte altre private, in cui la persona individuata parlava con noi ma con l’obbligo di non rivelarne l’identità’

Sgrò ha specificato come tutto ciò sia molto limitante nel corso delle indagini e come le loro istanze vertano anche su altri elementi e non solo sulla tomba del cimitero. C’è qualcosa di più grande, riguardante l’intera vicenda della scomparsa di Emanuela, dunque, e tutti coloro che sono stati coinvolti all’interno del caso. La Sgrò si riferiva alle persone che dicono di aver sentito, oppure altri che affermano di non sapere nulla.

In seguito è stato chiesto all’avvocato quanto tempo ci voglia per questa indagine interna del Vaticano. La legale della famiglia Orlandi ha risposto: ’Mettere insieme la parola tempi e la Santa Sede è una contraddizione di termini, proprio ontologica. Noi speriamo che si attivino il prima possibile’.