Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

30
Gen

È vero che la curcuma fa bene? Ecco tutta la verità!

Ecco quali sono le proprietà benefiche della Curcuma

La curcuma è una pianta che fa parte delle Zingiberaceae, la sua coltivazione è largamente diffusa in India e in alcune regioni di Africa e Asia. La sua caratteristica inconfondibile è il colore della polvere che si produce dal suo rizoma, un giallo ocra vivo e luminescente che la rende molto utilizzata anche nel settore tessile e in quello alimentare dal momento che la curcuma si adopera come colorante in alimenti quali senape, formaggi e curry.

Per le sue proprietà benefiche e curative, la curcuma è tradizionalmente utilizzata nella medicina ayurvedica e nella medicina tradizionale cinese. Questa pianta viene usata in tantissimi campi, dunque, specie in quello medicale dove la troviamo sotto forma di tinture madre, oli essenziali, tisane e compresse. Ma come mai la curcuma è così diffusa? Quali sono i suoi benefici? Scopriamo perché questa spezia è così preziosa e in che modo può aiutare il benessere del nostro organismo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Fa bene mangiare uova a colazione? Attenzione, ecco la risposta che non ti aspetti

La curcuma, una pianta dalle innumerevoli proprietà benefiche

La curcuma presenta innanzitutto una proprietà antinfiammatoria con una bassa tossicità. Inoltre, ha un’azione coleretica, ossia stimola la produzione della bile, contiene vitamina C e altri preziosi antiossidanti. Questa pianta, inoltre, ha proprietà colagoghe che favoriscono la contrazione della colecisti, epatoprotettive e antisettiche.

Ne consegue, dunque, che utilizzare curcuma giova soprattutto al fegato e può essere utilissima per i processi digestivi. A rendere così preziosa la curcuma è la curcumina, ossia il suo principio attivo. L’attività della curcuma, tuttavia, non si limita solo a proteggere fegato e stomaco, bensì comprende innumerevoli proprietà: trombosoppressive , antinfettive, antimicrobiche, cardioprotettive, antiartritiche.

TI POTREBBE INTERESSARE: Incredibile, ecco cosa succede a chi mangia troppo funghi!

L’impiego della curcuma, secondo recenti studi, svolgerebbe addirittura un’azione preventiva nei confronti di tumori al seno e al colon. Inoltre, il suo uso tenderebbe a mitigare la resistenza all’insulina, risultando utilissima, quindi, per tenere sotto controllo patologie quali il diabete, le malattie cardiovascolari e la sindrome metabolica. Anche in caso di coliche biliari, colecistiti, colelitiasi, ulcera allo stomaco, gastrite e ittero, la curcuma può essere di grande supporto.

La curcuma, un’alleata della nostra bellezza

L’impiego della curcuma sembra possa influire anche sulla memoria e su disturbi quali stress, ansia e depressione, oltre ad essere una grande alleata della nostra bellezza intervenendo in maniera validissima su problematiche quali alopecia, eczemi, dermatite atopica, vitiligine, psoriasi ecc., e favorendo il dimagrimento. Inoltre, questa pianta presenta un’ altissima azione cicatrizzante, di grande aiuto in caso di ferite, e proprietà antibatteriche.

TI POTREBBE INTERESSARE: Attenzione a mangiare tonno in scatola: ecco cosa potrebbe accadere

La curcumina è anche un ottimo supporto per innalzare naturalmente le difese immunitarie, svolge un’azione molto potente contro i danni causati dai radicali liberi e svolge anche un ruolo benefico nel declino cognitivo. In definitiva, un paio di cucchiaini al giorno di questa spezia possono aiutarci a migliorare il nostro benessere psicofisico.