Autore: Rita Parisi

Pensione

Covid-19 Campania, pensioni minime a 1000 euro e fondi per le imprese: ecco il piano della Regione

La Regione Campania ha indicato in una nota ufficiale tutte le misure economiche messe in atto per arginare l’emergenza Coronavirus.

Vincenzo De Luca aveva già annunciato ieri il piano economico sociale per rispondere all’emergenza Coronavirus in Campania e oggi è stata pubblicata sul sito istituzionale della Regione una nota ufficiale in cui sono contenute tutte le misure intraprese per alleviare il disagio di famiglie e imprese piegate dalla crisi. Tra le misure principali assunte dalla Regione si segnalano: contributo alle famiglie con disabili; pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi; contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali; bonus a professionisti e lavoratori autonomi; bonus alle aziende agricole e delle pesca; 30 milioni per il comparto del turismo.

Coronavirus, tutte le misure economiche adottate per l’emergenza in Campania

In particolare, tra le misure di maggiore rilevanza e con impatto immediato, si segnala quella relativa al sostegno straordinario a favore dei pensionati titolari di pensioni sociali e di assegni sociali (75.665 persone): nei mesi di maggio e di giugno prossimi, a tutti i pensionati che percepiscono dall’INPS un importo mensile inferiore a 1.000 euro la Regione Campania erogherà un contributo tale da garantire i 1.000 euro al mese. Poiché l’importo medio mensile erogato dall’INPS a questi soggetti è pari a 497 euro, la Regione Campania coprirà mediamente i restanti 503 euro.

Nella nota della Regione Campania si legge anche che tra le misure di maggiore rilevanza e con impatto immediato, si segnalano le seguenti: alle microimprese (imprese artigiane, commerciali, di servizi o industriali con meno di 10 addetti e fino a 2 milioni di euro di fatturato), che rientrano nei settori colpiti dall’attuale crisi economico-finanziaria, viene erogato nel mese di aprile un contributo una tantum di 2.000 euro; tale misura viene attuata anche mediante la collaborazione istituzionale del sistema delle Camere di Commercio e dei Dottori Commercialisti; si stima di sovvenzionare circa 40.000 imprese; ad una platea di circa 80.000 professionisti/lavoratori autonomi (che hanno fatturato meno di 35.000 euro nel 2019 e che autocertifichino una riduzione delle attività nei primi 3 mesi del 2020) viene erogato nel mese di maggio un assegno individuale una tantum di 1.000 euro ad integrazione di quello già riconosciuto dal Governo nazionale con il DL 18/2020 (Cura Italia); tale misura viene attuata anche mediante la collaborazione istituzionale dell’INPS e delle Casse di previdenza degli ordini professionali.

LEGGI ANCHE:Covid-19 Campania, De Luca annuncia quando arriverà il picco dei contagi e illustra il piano economico sociale

Regione Campania, in arrivo contributi per la Casa e il Turismo

Le misure di sostegno per la casa potranno contare su 45.438.515 euro. Sono previsti, infatti, contributi sull’affitto per gli affittuari del patrimonio privato (bando regionale); sostegno al fitto delle abitazioni principali per situazioni di emergenza socio/economica; fondo di solidarietà inquilini; sostegno al fitto dei locali commerciali; contributi sui mutui prima casa. Per il sostegno ai lavoratori stagionali impiegati in attività alberghiere ed extra alberghiere ad integrazione del contributo nazionale 30.000.000 € si legge che tale sostegno è di rapida corresponsione in quanto erogato direttamente dall’INPS attraverso le proprie banche dati. Secondo i dati forniti da Federalberghi Campania, la platea degli aventi diritto è di circa 25.000 lavoratori per un importo di 300 euro mensili ciascuno per 4 mensilità.