Autore: Rita Parisi

Coronavirus

14
Apr 2020

Covid-19 Campania, nuovi focolai in provincia di Napoli: ecco dove

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in una nota ha evidenziato situazioni serie nella provincia di Napoli.

Il Coronavirus continua a piegare la provincia di Napoli, che ad oggi risulta la più colpita dall’infezione. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha appena diramato una nota dove fa presente che: «Il monitoraggio quotidiano dei casi di contagio in Campania, fa rilevare la presenza di interi gruppi familiari positivi. La situazione è preoccupante in alcune realtà della provincia di Napoli, dove nei giorni scorsi si sono registrati comportamenti poco responsabili da parte di gruppi di cittadini.» nello specifico, De Luca ha elencato le zone della provincia napoletana più colpite dal virus: «Si registrano 61 casi a Casoria; 58 a Giugliano; 52 a Pozzuoli; 52 a Marano; 49 ad Afragola; 36 a Frattamaggiore e Frattaminore (10), per un totale di 308 contagi.

L’Asl Napoli 2 è impegnata in un lavoro straordinario per ricostruire la catena di rapporti avuti dai contagiati, ed evitare la diffusione dell’epidemia. Ma è necessario avere comportamenti rigorosi, e non i rilassamenti che in quei territori si sono registrati, con centinaia di persone in mezzo alle strade. Invito le Forze dell’ordine, le unità dell’Esercito, le Polizie municipali a sviluppare il più rigoroso controllo per contrastare atteggiamenti scorretti.»

LEGGI ANCHE: Coronavirus: cassa integrazione? Servono ancora 30 giorni di attesa

Coronavirus, rilevato un focolaio anche al Vomero

De Luca ha poi ribadito la necessità di intensificare i controlli anche in zone come il Vomero, dove si registrano troppi casi di contagio da Coronavirus e ha sottolineato: «L’Asl Napoli 1 è impegnata a contenere, con i necessari controlli territoriali, un focolaio di contagio che è emerso nella città di Napoli, nell’area del Vomero. È urgente anche qui, ampliare e rendere rigorosi i controlli. Dovrebbe essere chiaro a tutti che i comportamenti scorretti offendono e danneggiano la stragrande maggioranza dei cittadini che rispetta le regole con grande spirito di sacrificio. Così come dovrebbe essere chiaro che più si è responsabili, prima finisce questa emergenza. È evidente che il permanere di situazioni di rischio renderebbe inevitabili misure territoriali di quarantena ancora più pesanti.»

Proprio nell’ottica di limitare i contagi, il governatore ha deciso di tenere chiuse librerie e cartolerie oggi e di consentire l’apertura dei negozi di abbigliamento per bambini e neonati solo due volte a settimana e in orari prestabiliti. Anche i cantieri edili, che in un primo momento la Regione Campania aveva deciso di riaprire, restano serrati. Il rischio è che, dopo questi nuovi focolai, la ripresa delle attività venga ancora posticipata e la fase II rimanga confinata in un limbo.

LEGGI ANCHE: Potremo andare in spiaggia durante quest’estate?

Covid-19 Campania, aggiornamento dati

Intanto, l’Unità di Crisi della Regione Campania, ha diffuso gli ultimi dati sui contagi:

  • Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 409 tamponi di cui 55 risultati positivi;
  • Ospedale Ruggi di Salerno: sono stati esaminati 251 tamponi di cui 15 positivi;
  • Ospedale Sant’Anna di Caserta: sono stati esaminati 27 tamponi, nessuno positivo;
  • ASL di Caserta presidi di Aversa e Marcianise: sono stati esaminati 124 tamponi di cui 6 positivi;
  • Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 44 tamponi di cui 1 positivo;
  • Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 19 tamponi di cui 6 positivi;
  • Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 32 tamponi nessuno positivo;
  • Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 375 tamponi di cui 13 positivi;
  • Ospedale di Nola: sono stati esaminati 43 tamponi, di cui 3 positivi.

Positivi di oggi: 99
Tamponi di oggi: 1.324

Totale complessivo positivi Campania: 3.769
Totale complessivo tamponi Campania: 38.094