Autore: Stefano Calicchio

Crisi economica

Coronavirus, come cambiano i trasporti: dai blocchi aerei ai nuovi criteri di prenotazione dei treni

La Spagna blocca tutti i voli dall’Italia, una scelta compiuta anche dalla compagnia aerea Ryanair. Intanto arriva un nuovo sistema di prenotazione sui treni ad alta velocità.

La mobilità internazionale e nazionale nei momenti più difficili del Coronavirus non poteva che subire rallentamenti o cancellazioni. È proprio quello che sta succedendo in queste ore, con provvedimenti anche drastici che mirano a limitare il trend di diffusione del contagio.

In tal senso si deve intendere la decisione del governo spagnolo di bloccare tutti i voli da e verso l’Italia nelle prossime due settimane. La nazione ha registrato oltre 1200 casi di Cov-19 e la maggioranza di questi risultano importati dal nostro Paese. Per questo motivo, si è deciso di limitare temporaneamente i viaggi aerei.

Nel frattempo anche nella penisola iberica vengono prese forti azioni contro la diffusione del virus. In diverse città del Paese sono state sospese le lezioni di scuole e università, così come nella capitale Madrid.

L’Austria introduce nuove restrizioni alla mobilità

Anche l’Austria ha introdotto misure restrittive rispetto al nostro Paese, con l’obiettivo di contenere la diffusione del coronavirus. Al riguardo, voli e collegamenti ferroviari sono stati sospesi. Le nuove restrizioni di viaggio puntano a limitare la mobilità con l’Italia ed a vietare i raduni o raggruppamenti di persone.

I viaggiatori in arrivo dal confine italiano, per poter accedere in Austria, dovranno risultare in possesso di un certificato medico, mentre il rimpatrio dei cittadini che si trovano in Italia prevede una quarantena di due settimane.

Oltre a ciò, il Paese si prepara a limitare eventi, raduni e altre manifestazioni che prevedono la presenza di più di 100 persone in luoghi chiusi o con più di 500 persone all’aperto fino al prossimo mese di aprile. Infine, scuole e università vanno verso il blocco delle attività di insegnamento a partire dal prossimo lunedì, mentre alle aziende si consiglia di ricorrere ovunque possibile allo smart working.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, verso chiusura di tutte le attività in Lombardia per 15 giorni

Lo stop di Ryanair per tutti i voli con l’Italia fino al 9 aprile

A partire dal prossimo sabato Ryanair bloccherà tutti i voli con l’Italia fino al 9 aprile. Lo annuncia il portavoce della compagnia, spiegando che la misura risulta indispensabile dopo i provvedimenti adottati dal governo italiano per contrastare l’emergenza Coronavirus.

Secondo quanto evidenziato sul sito della compagnia aerea, “I viaggiatori che hanno l’esigenza di rimpatriare possono ottenere un cambio gratuito per un volo Ryanair precedente a quello prenotato e operante fino alla mezzanotte di venerdì 13 marzo”.

Dopo l’ultimo decreto dell’esecutivo, anche altri vettori low cost hanno deciso di sospendere o limitare fortemente la propria operatività sull’Italia. Tra questi easyJet e Wizz.

Coronavirus: FS annuncia un nuovo sistema di prenotazione sulle Frecce

Nel frattempo anche sui treni ad alta velocità si registrano importanti cambiamenti. Nel pomeriggio del 10 marzo 2020 il gruppo Trenitalia ha annunciato l’implementazione di una nuova funzione all’interno del servizio di prenotazioni, che consentirà di mantenere un’adeguata distanza di sicurezza tra i posti assegnati ai viaggiatori (così come previsto dalle nuove disposizioni di legge per il contrasto al Coronavirus).

Il sistema è stato reso possibile da FSThecnology, un’infrastruttura informatica del gruppo, e permette di applicare sulle Frecce un ulteriore criterio di tutela a viaggiatori e dipendenti. Allo stesso tempo, è stato potenziato anche il livello di sanificazione e disinfezione dei treni e dei luoghi di lavoro, aumentando le sessioni di pulizia e installando sui treni dei dispenser con gel disinfettante per le mani.

Infine, FS ricorda l’istituzione di una task force il cui compito consiste nel monitoraggio della situazione, al fine di intervenire prontamente in caso di necessità e di dare attuazione a tutte le disposizioni di legge emergenti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus: governo pronto a stanziare nuovi fondi, Lombardia attiva 135 milioni per cassa integrazione