Autore: Luca D

Italia - Francia - Malattia - Coronavirus

24
Feb 2020

Coronavirus, bloccati aereo Alitalia alle Mauritius e bus diretto a Lione

Controlli molto rigidi sui mezzi di trasporto provenienti dall’Italia: 40 persone verranno rimpatriate dalle Mauritius dopo esser state fermate a bordo di un aereo Alitalia già giunto a destinazione. Bloccato bus verso Lione.

Al fine di tutelare le loro popolazioni, sempre più paesi stranieri stanno rafforzando i controlli sui mezzi di trasporto provenienti dall’Italia, in particolare da Veneto e Lombardia, le due regioni in cui sono stati registrati più casi di infezione. Nella serata di ieri, l’Austria ed altre nazioni come la Romania hanno annunciato la quarantena obbligatoria per i provenienti da queste due regioni.

Si attendono provvedimenti simili anche da parte degli altri paesi. Anche all’interno del nostro stesso paese ci si sta muovendo per garantire la sicurezza sui mezzi di trasporto e per evitare che, tramite essi, il virus si diffonda in tutto il paese. Diverse regioni, tra cui Basilicata e Puglia, obbligheranno i rientranti dal Nord Italia a controlli e test, inoltre bisognerà comunicare il proprio rientro al medico di base ed al comune di residenza.

Aereo Alitalia bloccato alle Mauritius, si prepara il rimpatrio

Nella mattinata di oggi un volo Alitalia diretto alle Mauritius, un paradiso naturale immerso nell’oceano Indiano, è stato bloccato all’arrivo. Le autorità locali hanno deciso di operare dei controlli molto dettagliati prima di consentire lo sbarco dei passeggeri, ma senza avvisare in anticipo i soggetti in questione, ne tantomeno Alitalia stessa.

Sul volo Alitalia bloccato all’arrivo sull’isola erano presenti ben 300 persone. Al termine dei controlli effettuati dalle autorità locali è stato concesso l’ingresso a 260 persone. Altre 40 provenienti da Veneto o Lombardia, sono state fermate. Le autorità hanno disposto 14 giorni di quarantena obbligatoria o, in alternativa, la possibilità di tornare immediatamente in Italia nonostante nessuno dei passeggeri presenti sintomi. I passeggeri ed Alitalia non erano pronti ad una decisione così drastica, ma il problema sembra che si risolverà grazie alla compagnia aerea.

Alitalia infatti, si preoccuperà autonomamente del rimpatrio immediato delle 40 persone a cui è stata negata la possibilità di godere delle Mauritius. Il rimpatrio dovrebbe iniziare già entro oggi, si attendono notizie più precise dalla Farnesina.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, impatto su economia e borse: crollano Milano e Seul

Bus bloccato e isolato nel Sud della Francia

Un altro episodio di prevenzione e/o allarmismo si è verificato alle 7 di questa mattina nel Sud della Francia su un bus diretto a Lione che ha attraversato la zona della Lombardia e del Veneto. Dei passeggeri, allarmati dai continui ed insistenti colpi di tosse dell’autista, hanno deciso di chiamare la polizia. E’ stato disposto immediatamente il blocco e l’isolamento del bus. L’autista, insieme ad un secondo passeggero di origine francese avente i normali sintomi di un’influenza, è stato prelevato e trasferito in ospedale per accertamenti.

Le autorità italiane e quelle europee sono in continuo aggiornamento per cercare di limitare l’avanzata del virus senza diffondere eccessivo allarmismo ed evitando, dove possibile, di congelare intere province, regioni o addirittura stati. Nelle prossime ore sono attese comunicazioni ufficiali che regolamenteranno gli spostamenti interni ed esterni al paese.