Autore: Francesca Cavaleri

Risparmio

Conti deposito: quali sono i più convenienti?

I conti deposito hanno una funzione diversa da quello classico. Infatti, servono ad assicurare un maggiore rendimento. Di conseguenza, un breve confronto per ciò che offre il mercato è importante.

Il conto deposito è una giacenza monetaria che segue regole diverse rispetto ad un normale conto bancario. Infatti, i conti di questo tipo, sono di solito, più remunerativi e rappresentano una fonte di rendimento per i titolari. Però è limitato ad essere solo un deposito di denaro remunerato. Possiamo considerarlo come un investimento a breve termine. Inoltre, è solitamente limitato nel numero di prelievi e versamenti.

Conto deposito: vincolato o libero?

Esistono due tipi di conto deposito: libero e vincolato. Nel conto corrente libero, il denaro è sempre a disposizione del risparmiatore. Quest’ultimo, può prendere sempre e comunque i suoi risparmi, senza alcun limite. Sono dei conti che spesso rispetto ai vincolati, rendono un pochino meno.

Nel conto corrente vincolato, le cose funzionano diversamente. Infatti, in questo caso il cliente che apre il conto vincolato, non può riavere indietro i suoi soldi quando vuole. Di conseguenza, deve aspettare che il termine arrivi a scadenza. Tuttavia, se si ritirano i risparmi prima della scadenza, si corre il rischio di perdere tutti gli interessi maturati.

Conto deposito: i vantaggi per il consumatore

E’ chiaro, che una persona che decide di aprire un conto deposito, lo fa per avere alcuni vantaggi. Ed ecco come possiamo riassumerli:

  • alti rendimenti e tassi di remunerazione del deposito;
  • investimento a basso costo, perché spesso gli istituti di credito, permettono di aprire questi conti, senza costi di inizio;
  • possibilità di scegliere tra investimento libero o vincolato;
  • copertura del fondo interbancario fino a 100.000 euro.

E’ opportuno precisare, che anche questi depositi, sono coperti dal fondo europeo di copertura. Quindi, maggiore rendimento, ma anche certezza e sicurezza, in caso di default della banca con cui si hai firmato il proprio contratto.

Conto deposito: alcuni confronti tra diverse offerte

Dando un’occhiata online è possibile considerare diverse offerte. Basta inserire nei motori di ricerca, i migliori conto deposito del 2020, ed un elenco completo è disponibile. I migliori sono:

  • ContosuIBL Libero,
  • Conto Deposito Mediolanum;
  • Conto deposito Monte dei Paschi di Siena;
  • Conto Deposito Che Banca;
  • Conto Deposito Fineco.

Per la maggior parte sono conti che permettono di essere aperti con un capitale minimo pari a 1.000 euro. Inoltre, c’è la possibilità di vincolarli in diversi mesi, da 6 a 36 mesi. Questi conti, sono decisamente più sicuri degli investimenti in azioni, o titoli vari. Anche perché alle spalle, c’è sempre il Fondo Europeo a cui aderiscono tutte le banche.

Conto deposito: le banche online emergenti

Oltre ai conti offerti dai grandi nomi bancari italiani, ci sono quelli offerti dalle banche più emergenti. La loro offerta non teme per nulla, vediamone qualcuna. Secondo il sito Segugio.it le migliori sono:

  • Vivi Banca, con tasso pari al’1,25% su base annuale non svincolabile;
  • stesso tasso per Banca Progetto,
  • Whist Time Deposit, 1.05% svincolabile durante l’anno;
  • Santander, pari allo 0,8%.

Un consiglio? Se si vuole mettere "a frutto" una somma di denaro, è meglio considerare anche altre variabili. Le offerte, le promozioni, i tempi di deposito, eventuali assicurazioni e leggere attentamente il contratto che viene proposto. Firmare solo se si è sicuri, in modo da non incorrere in nessun problema successivamente.