Carabiniere fuori servizio sventa rapina in farmacia e viene accoltellato

L’episodio è avvenuto ieri sera a Torino. Un sedicenne si è costituito nella notte.

Rapina finita nel sangue ieri sera in pieno centro a Torino dove un carabiniere 53enne fuori servizio nel tentativo di sventare una rapina in una farmacia è stato accoltellato e si trova ora ricoverato in prognosi riservata anche se non sarebbe in pericolo di vita.

Stando alle prime ricostruzioni da parte degli inquirenti il militare che lavora presso la compagnia Oltre Dora nella sezione antidroga ieri era libero dal servizio. Si trovava all’esterno della farmacia quando ha visto i due rapinatori con il volto travisato fare il loro ingresso nel locale.

I due armati con una pistola che poi si è rivelata essere una scacciacani, hanno minacciato i tre dipendenti portandoli nel retro e costringendoli ad aprire la cassaforte.

Accoltellato durante una colluttazione

Il carabiniere visto quando stava accadendo non ci ha pensato due volte ed è entrato nella farmacia seppur fosse disarmato. Qui una volta che si è identificato, avrebbe lanciato alcuni farmaci contro i rapinatori per distrarli.

Ne è nata una colluttazione e sono partiti anche alcuni colpi di pistola. Pare che alla fine il militare sia anche riuscito a disarmare uno dei due, ma all’improvviso è stato colpito da diversi fendenti, almeno tre, alla gamba e al torace.

I due rapinatori, che dalle prime testimonianze dovrebbero essere due italiani, sono fuggiti con i soldi a bordo di uno scooter e sono ricercati. Il poliziotto è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per una lesione sanguinante del fegato e pneumotorace.

Si è costituito nella notte uno dei rapinatori: è un 16enne

Nella notte è avvenuta la prima svolta nelle indagini con un ragazzo 16enne che si è costituito al commissariato Madonna di Campagna. E’ caccia ora al complice del giovane.

«Esprimo la piena solidarietà all’Arma dei Carabinieri e la mia profonda vicinanza al brigadiere ferito durante una rapina. È un fatto gravissimo, chiederò al Comandante provinciale dell’arma aggiornamenti sulla salute dell’eroico carabiniere, intervenuto con grande spirito di servizio anche se non operativo. Va quindi un grande ringraziamento all’Arma dei Carabinieri, mi auguro che il brigadiere possa rimettersi presto» - le parole del sindaco della città di Torino Stefano Lo Russo.

«Questa notizia ci riempie di tristezza» - ha commentato invece Alberto Cirio, il presidente della Regione Piemonte, «Ci stringiamo alla famiglia del brigadiere dei Carabinieri che stasera pur essendo fuori servizio non ha esitato a mettere la propria vita in pericolo per sventare una rapina. Speriamo con tutto il cuore che le sue condizioni migliorino».