Autore: Giacomo Mazzarella

Canone RAI

Canone Rai, esenzione 2021, come fare e per chi è

Scade il 31 dicembre il termine ultimo per poter presentare le nuove domande di esenzione del canone Rai

In una ipotetica classifica delle tasse che gli italiani maggiormente odiano, sicuramente ai primi posti c’è il canone Rai. La tassa per chi ha un apparecchio radio televisivo in casa si paga ogni anno a rate nella bolletta dell’energia elettrica per uso domestico. La tassa riguarda tutti i contribuenti italiani e si paga su un solo apparecchio e su una sola utenza dell’energia elettrica a nucleo familiare. Ma c’è chi è esentato dal pagamento e al riguardo, le domande per essere esonerati scadono il prossimo 31 gennaio.

Esenzione canone Rai, i soggetti interessati

Possono evitare il pagamento del canone i soggetti che non hanno apparecchi in casa ma anche gli anziani con una determinata età e con determinati redditi. Occorre però presentare domanda e il termine ultimo di scadenza delle istanze per poter avere diritto all’esenzione per l’intero anno è fissato al prossimo 31 gennaio. Infatti l’esonero dal pagamento per l’intero anno 2021 riguarderà solo i contribuenti che presenteranno la domanda entro la fine del mese corrente.

L’esonero del canone (in tutto 90 euro all’anno con rate da 18 euro l’una ogni bolletta bimestrale) riguarda:

  • anziani over 75 titolari di reddito non superiore a 8.000 euro;
  • invalidi civili degenti in un casa di riposo;
  • militari delle Forze Armate Italiane o della Nato.

Canone Rai, quando e come fare richiesta di esonero

Per essere esonerati dal pagamento del canone Rai occorre inoltrare domanda. La richiesta va prodotta in autocertificazione e spedita con raccomandata con ricevuta di ritorno in forma “senza plico”. In alternativa possibile la presentazione telematica o utilizzando i professionisti abilitati come i commercialisti o i Caf.

Per chi intende fare tutto on line, occorre usare l’applicazione web predisposta dal sito istituzionale dell’Agenzia Entrate, ma occorre la registrazione ai servizi digitali del Fisco, con rilascio delle relative credenziali di accesso.

Per quanti invece hanno intenzione di fare tutto tramite posta ordinaria e quindi per raccomandata con ricevuta di ritorno, occorre inviare il tutto ad “Agenzia delle entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone TV – Casella postale 22 – 10121 Torino”. In questo caso si dovrà allegare anche un documento di riconoscimento in corso di validità, inserendo la copia fotostatica nella missiva.

Per l’invio tramite Pec invece, l’indirizzo di spedizione «cp22.canonetv@postacertificata.rai.it». La Pec deve essere quella con firma digitale.
Presentando domanda entro il 31 gennaio prossimo si ha diritto all’esenzione per tutto il 2021. Va ricordato che la domanda va ripetuta ogni anno perché l’esonero vale solo dal 1° gennaio dal 31 dicembre di ciascun anno solare. Le domande presentate dal 1° febbraio al 30 giugno 2021 saranno valide per l’esonero dal canone dovuto per il secondo semestre.
Le domande presentate dopo giugno invece vengono considerate come richieste di esenzione per l’anno 2022.