Autore: B.A

30
Dic 2019

Canone Rai, ecco le nuove soglie di esenzione, domanda entro il 31 gennaio

Nel 2020 cambiano le soglie di esenzione del canone Rai, ecco le novità.

Anche nel 2020, il canone Rai che milioni di italiani, possessori di apparecchi radio televisivi, pagano, andrà versato sulla bolletta dell’energia elettrica. Inoltre, anche per l’anno venturo, l’importo del «balzello» resterà invariato, fermo a 90 euro. Le voci su possibili aumenti del canone sono state subito disattese, nonostante la Rai da tempo vessa in condizioni economiche che non permettono all’azienda, di far fronte alle spese a copertura degli investimenti nel settore digitale. Qualcosa però cambia per il 2020 e riguarda le soglie di esenzione per gli anziani, che salgono. Ecco di cosa si tratta e le novità in materia.

Esenzione Canone Rai: domanda da presentare entro la fine del mese di gennaio

La novità è stata confermata direttamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanza. Il Mef tramite nota ufficiale ha fatto sapere che la soglia di esenzione per gli anziani in condizioni reddituali disagiate, passa da 6.713,98 euro a 8.000 euro. In altri termini, gli anziani che hanno redditi fino ad 8.000 euro annui, potranno non pagare il canone nel 2020. Si tratta di anziani con età pari o superiore a 75 anni, che presentano domanda. L’esenzione infatti non è automatica, ma va fatta richiesta. In questa ottica occorre ricordare che la domanda va presentata tassativamente entro il 31 gennaio 2020, per poter essere considerati esenti fin dal mese di gennaio, che è il primo per cui il canone Rai è dovuto.

Esenzioni e modalità di presentazione delle domande

Oltre agli anziani con età superiore ai 75 anni e con reddito pari o inferiore a 8.000 euro all’anno, sono esenti dal pagare il canone, anche gli invalidi civili ospitati nelle case di cura, i militari, gli appartenenti alle forze armate, i dipendenti NATO presenti in Italia e il personale diplomatico dei Consolati. Come dicevamo, è necessario compilare e inviare un modulo all’Agenzia delle Entrate per poter beneficiare dell’esenzione. Il modulo è scaricabile dal sito ufficiale delle Entrate e va inviato on line, con le credenziali di accesso ai servizi telematici del Fisco o tramite lo Spid. In alternativa, la domanda può essere prodotta tramite raccomandata con ricevuta di ritorno.

La domanda di esonero per reddito da parte degli anziani deve essere presentata, insieme ad un documento di identità. Per essere esonerati per l’intero anno la domanda, com già detto in precedenza, va presentata entro il 31 gennaio prossimo. Naturalmente, aspettare gli ultimi giorni, dal momento che il canone Rai va pagato a rate in bolletta dell’energia elettrica casalinga, può non evitare che venga addebitata la rata relativa al mese di gennaio. Per quanti presenteranno domanda dopo il 31 gennaio 2020, l’esonero sarà per il secondo semestre. In questo caso il termine ultimo per presentare domanda è il 30 giugno 2020. Decorso tale termine, non si può richiedere più l’esenzione. L’importo è suddiviso in 10 rate mensili tutte di uguale importo, cioè da 9 euro.