Autore: B.A

Calabria: il Ministro Boccia impugna l’ordinanza della Calabria

Il governo contro le riaperture di bar e ristoranti previste da Jole Santelli.

Il Ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, aveva già ammonito la governatrice della Regione Calabria, Jole Santelli, per una ordinanza di riapertura di bar e ristoranti dal primo maggio. Una ordinanza che secondo il governo, era in contrapposizione con il Dpcm del Premier Conte. Le polemiche intorno all’atto della Santelli, sono state subiti forti. Ed oggi, il quotidiano «Repubblica», in un suo articolo, conferma il fatto che il Ministro Boccia ha impugnato l’ordinanza della Santelli. Infatti, nonostante immediatamente dopo la notizia dell’ordinanza, il governo aveva ammonito la Governatrice, alla revoca della stessa, la Santelli aveva proseguito nella sua linea.

Il governo contro Jole Santelli

L’altra sera Jole Santelli aveva giustificato la sua decisione, sottolineando come in Calabria non ci sono le grandi aziende che il governo ha deciso di riaprire da domani 4 maggio, in questo discusso avvio di fase 2. La Calabria, secondo la Santelli, si regge su micro, piccole e medie imprese. Per questo ogni giorno di chiusura in più è un problema serio per il tessuto produttivo locale. L’ordinanza della Santelli quindi dispone la riapertura di bar e ristoranti. Tutto in sicurezza secondo la Governatrice, soprattutto alla luce del fatto che in Calabria i contagi sono pochi da tempo. E su questo, arrivano altre accuse alla Calabria. Sempre su Repubblica infatti, si legge che c’è chi contesta alla Regione, di fare pochi tamponi.

Il Ministro Boccia impugna l’ordinanza

«Il Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, d’intesa con la Presidenza del Consiglio, ha impugnato l’ordinanza della Regione Calabria del 29 aprile, che prevede l’apertura di bar e ristoranti», questa la notizia di oggi 3 maggio. Adesso l’atto del governo contro la Calabria è in mano alla Avvocatura di Stato. Passaggio obbligatorio e di prassi. Si tratta di un vero e proprio ricorso del governo contro la Santelli che potrebbe avere epilogo al Tar. Solo se la governatrice Jole Santelli dovesse revocare l’ordinanza sulle riaperture di bar e ristoranti all’aperto, la procedura si interromperebbe. Si tratta a tutti gli effetti un aut aut.

Le dichiarazioni di Boccia

«Mi auguro che la presidente Santelli segua le regole, quelle che disciplinano la vita nelle istituzioni. Lei le conosce bene e sa che quell’atto è illegittimo. Nelle ultime due videoconferenze non si è presentata, nemmeno confrontata e questo non va bene. Io l’ho chiamata perché ci conosciamo da anni, ha ancora tempo per ritirare l’ordinanza», queste le dichiarazioni del Ministro Boccia riportate da Repubblica e rese dal Ministro a Skytg24. Il braccio di ferro tra governo e Regioni continua quindi, probabilmente per la poca chiarezza dell’esecutivo sui vari Dpcm e sulla scarsa considerazione che l’esecutivo ha dimostrato fino ad ora, per quanto riguarda evidenti differenze tra Regioni, sia come contagi da Covid-19 che come tessuto produttivo.