Autore: Giacomo Mazzarella

23
Giu

Calabria: aumentano subito le addizionali all’Irpef e l’Irap

La Calabria insieme al Molise non sono state capaci di recuperare il loro deficit sanitario ed aumentano le tasse.

Aumento delle tasse per lavoratori autonomi e dipendenti in Calabria e incremento che non risparmierà nemmeno i pensionati. Le imposte che saranno aumentate già nel 2019 saranno le addizionali all’Irpef e l’Irap. Lo hanno confermato due comunicati, uno dell’Agenzia delle Entrate ed uno del Dipartimento del Tesoro. Nelle comunicazioni dei due Enti, oltre alla Calabria anche in Molise sarà usato lo stesso metodo e quindi lo stesso aumento della tassazione. Tutto deriva dalla applicazione dell’articolo 2 della legge 191 del 2009 che stabilisce come, nel caso di Regioni che non riescano a rientrare nel deficit relativo alla spesa sanitaria regionale sostenuta, vengono imposti aumenti di aliquote per Irpef e Irap. Alla Calabria come al Molise è successo proprio questo, non si è riusciti a rientrare del disavanzo sulla spesa sanitaria e quindi è scattato ciò che la legge prevede, una specie di clausola di salvaguardia.

La Regione non rientra? Pagano i cittadini

Una cosa certa è che la sanità in genere, sia in Calabria che in Molise, che sono tra le aree svantaggiate dello stivale, risulta essere uno dei settori con più disservizi tra quelli che le Regioni offrono ai cittadini. Il fatto che proprio per contribuire alla spesa sanitaria delle due Regioni, adesso si chiederà un maggior sacrificio ai loro contribuenti, sarà sicuramente oggetto di critiche e polemiche. Fatto sta che ciò che hanno confermato le comunicazioni delle Entrate e del Dipartimento delle Finanze ormai è certo.

Irap, cos’è e come aumenterà

Irap è l’acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. Si tratta di una imposta che grava sulle imprese dal 1998, essendo stata istituita in sostituzione di Iciap e Ilor. Fu il Governo Prodi di allora con il Ministro Visco. Tra le tasse che gravano sulle imprese l’Irap è l’unica che va a colpire il fatturato e non l’utile di impresa. E sarà l’Irap uno dei due balzelli che aumenterà in Calabria e Molise. Un aumento di aliquota dello 0,15%.

Addizionali regionali all’Irpef

L’Irpef è l’imposta sul reddito delle persone fisiche e le sue addizionali sono state istituite anche esse nel 1997. Si chiamano addizionali perché sono quote aggiuntive dell’imposta parti di tributo che vanno ai comuni (addizionale comunale) e alle Regioni (addizionale regionale). Proprio l’addizionale regionale all’Irpef è l’altra imposta che aumenterà sia in Molise che in Calabria. In questo caso all’aliquota vigente sarà aggiunto un surplus di imposta pari allo 0,30%. Se il surplus di Irap andrà a colpire imprese, aziende e Partite Iva in genere, cioè le attività produttive, ben più ampio è il bacino delle figure che subiranno l’incremento delle addizionali regionali all’Irpef. Come dicevamo in premessa, l’aumento delle addizionali per la parte che spetta alle Regioni graverà su tutti i lavoratori dipendenti, senza distinzioni e per i pensionati.