Bonus terme, via dall’8 Novembre: come fare domanda per i 200 euro

Bonus terme, via dall'8 Novembre: come fare domanda per i 200 euro

Resa nota la data in cui si può iniziare a richiedere il bonus terme aperto a tutti senza limiti di ISEE

Il tanto acclamato Bonus terme, salvo rinvii dell’ultimo momento, ha finalmente una data di inizio. Il MISE ha infatti annunciato che a partire dal 28 Ottobre le imprese potranno registrarsi per dare la propria adesione mentre i cittadini dovranno aspettare l’8 di Novembre per iniziare richiedere il contributo per i servizi termali.

Stanziati 53 milioni di euro. Un’iniziativa che come ricorda il MISE ha l’obiettivo di sostenere un settore particolarmente colpito dall’emergenza Covid come quello termale.

Cos’è il Bonus terme?

Si tratta di un voucher dal valore massimo di 200 euro per usufruire di una prestazione termale presso i centri accreditati. Il bonus permette di rimborsare il 100% del pacchetto acquistato fino ad massimo di 200 euro. Il bonus ovviamente è nominativo e non cedibile a terzi soggetti, né a titolo gratuito, né sotto forma di pagamento.

La parte che supera l’importo indicato sarà completamente a carico del cittadino. La buona notizia è che per poter usufruire del bonus non servono particolari requisiti.

Bisogna essere cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti di Isee e senza limiti legati al nucleo familiare. Questo significa che tutti potranno richiedere il bonus, ammesso siano veloci con le dita e con la tastiera.

Si procederà con un click day

Si, perché essendo la cifra stanziata limitata (si parla di circa 250mila voucher messi a disposizione) è plausibile che ci sia una sorta di click day l’8 di Novembre.

Ad una certa ora verranno aperte le richieste del voucher e i più veloci se li accaparreranno, sistema informatici permettendo. Non è infatti remota l’ipotesi che data la forte affluenza il sistema possa andare in tilt.

Il Codacons in disaccordo con la scelta di aprirlo a tutti

Poco d’accordo con questo Bonus aperto a tutti il Codacons. L’associazione dei consumatori lo ritiene "’folle’, senza criterio e senza logica, che di certo non aiuterà né i cittadini né il settore degli stabilimenti termali danneggiati dal Covid"

Per l’associazione il problema è proprio che "non si comprende perché il bonus debba spettare a tutti indipendentemente dal reddito e senza alcun limite legato all’Isee, così anche chi non ha alcuna difficoltà economica potrà avvalersi del sussidio per godere di giorni di vacanza alle terme o momenti di relax, a danno della collettività che finanzia il bonus".