Autore: Davide Scorsese

Tasse - Crisi economica

23
Mag 2020

Bollette acqua: cambio dei tariffari, previste stangate

Si prevedono nuove stangate e tagli di consumo per il sistema tariffario delle bollette dell’acqua.

Si dovrà riformulare il sistema delle bollette dell’acqua, secondo i Federconsumatori. Stando all’unità di crisi che ha travolto il paese bisognerà rivedere il calcolo dei consumi.

Bollette acqua: tagli e ricalcoli, cosa accade?

La tariffa, in ottemperanza alla delibera ARERA n. 665/2017, basa il suo calcolo sul consumo pro capite: per questo è fondamentale che siano aggiornati i dati relativi allo stato di famiglia e che tali dati in possesso dell’anagrafe si incrocino correttamente con quelli delle aziende per una corretta applicazione. Il rischio è quello di stangate per le famiglie numerose, soprattutto in un periodo dove ci indicano di lavarci le mani ogni 5 minuti. Cosa che, molti non hanno inteso vada fatta esclusivamente quando si è in giro e si entra a contatto con oggetti, ambienti, materiali sconosciuti e di uso pubblico.

Leggi anche: Arriva la tassa COVID da 2 a 4 euro: a pagare la messa in sicurezza siamo noi

Il calcolo delle bollette dunque sarà vantaggioso per le famiglie con un nucleo non superiore ai tre componenti, mentre rischierebbe l’esubero per i nuclei più popolosi. Sembrerebbe che alcune delle maxibollette siano già arrivate nelle cassette postali di molti cittadini di Trieste, Napoli, Perugia, Mantova, ma soprattutto a Roma. Il presidente della Federconsumatori invece propende per un ricalcolo moderato e ansi addirittura per i tagli, vista la situazione di crisi in cui versa una fetta del paese. Tra negozi e attività sospese o fallite, ricevere anche una maxibolletta dell’acqua sarebbe decisamente un motivo in più per fomentare una vera e propria rivolta popolare, in barba ai divieti di assembramenti e distanziamento sociale che sta facendo più danni del virus stesso.