Bimba cade dalla bici, il giorno dopo muore. La mamma è disperata: «È vero che non c’è più?»

Ferrara, una bimba di 8 anni è morta dopo una caduta in bici: cosa è successo

Una bambina di 8 anni è morta dopo una caduta in bici. È successo a Ferrara, la piccola ha sbattuto la testa durante un giro in bicicletta con il fratello più grande. Il giorno dopo ha iniziato a stare male. La Procura ha aperto un’indagine con l’accusa di omicidio colposo, i genitori sono stati indagati.

"E’ vero che non c’è più?", mamma disperata. Bimba di 8 anni cade dalla bici e muore

Sul corpicino della piccola è stata disposta l’autopsia per chiarire le cause del decesso e sarà eseguita domani. I genitori sono stati iscritti nel registro degli indagati per omicidio colposo ma, come riporta il Resto del Carlino, si tratta di un atto dovuto per indagare il più possibile sulle cause della morte.

Ad indagare su questa triste vicenda sono gli uomini della Squadra Mobile di Ferrara che ieri mattina sono arrivati nell’appartamento dove la bimba viveva con la famiglia. Ovviamente sono arrivati anche i soccorritori del 118 chiamati dai genitori dopo che la piccola ha iniziato ad accusare i primi sintomi.

Nonostante il tempestivo intervento degli operatori sanitari, la piccola non è riuscita a sopravvivere: il suo cuore si è fermato intorno alle 13.00. Un arrestato cardiaco procurato dalla caduta in bici avvenuta il giorno precedente intorno alle 18.00 nella zona dell’Acquedotto di Ferrara.

La bambina stava pedalando insieme al fratellino quando all’improvviso è caduta. Sembrava una caduta banale, la piccola è tornata a casa ed i genitori le hanno messo del ghiaccio alla testa e l’hanno messa a riposo.

Cade dalla bici e muore, la piccola Iman ha perso la vita a soli 8 anni. La mamma è disperata

Iman durante la notte ha iniziato a stare male, la mattina ha iniziato a vomitare e le sue condizioni si sono aggravate fino al punto che i genitori, disperati, hanno chiesto aiuto al 118 ma non c’è stato nulla da fare.

Ora bisogna capire se un intervento immediato dei medici avrebbe potuto evitarne il decesso, per questo motivo è stata disposta l’autopsia dal pm Fabrizio Valloni che è a carico dell’indagine. È stato intervistato uno zio della bambina che è ancora scioccato da ciò che è accaduto. L’uomo sta aiutando i genitori della piccola Iman ad affrontare il dolore per questo terribile lutto e non solo:

«Adesso dovranno fare l’autopsia, oggi (ieri ndr) la polizia ci ha consegnato dei documenti, ma è tutto molto difficile e complicato. Le famiglia qui a Ferrara non conosce nessuno, e si sente ancora più sperduta». Una volta conclusa l’autopsia, si potrà fissare la data dei funerali.

"I genitori vorrebbero che Iman fosse sepolta nel cimitero di Porotto, per averla vicina e poterla andare a trovare ma per il momento, come si può comprendere, sono sotto choc, paralizzati dalla disperazione, non riescono a pensare a niente e non sanno a chi rivolgersi. Io sto facendo il giro delle moschee, per vedere se è possibile avere qualche aiuto", ha aggiunto lo zio di Iman.