Autore: B.A

15
Feb 2020

Assicurazioni auto: da domani 16 febbraio arrivano quelle familiari!

Collegare tutte le auto e gli altri veicoli alla classe si merito migliore è ciò che propone la novità che da domani sarà sfruttabile.

L’Ania, l’associazione nazionale delle compagnie di assicurazione e tutte le grandi compagnie sono già sul piede di guerra per la grande novità che il Decreto Fiscale ha introdotto e che entrerà in vigore da domani 16 febbraio 2020. Parliamo naturalmente della assicurazione Responsabilità Civile sulle auto che da domani diventa familiare.

Molte famiglie risparmieranno molti soldi sulle assicurazioni che pagano per tutti i veicoli di cui dispongono. Il decreto Milleproroghe però ha corretto la novità della RC Auto familiare, introducendo un malus sulle moto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e che cosa cambia per le famiglie con l’introduzione di queste nuove regole.

Discriminati i meno abbienti

Cine dicevamo, il provvedimento non è piaciuto granché alle Compagnie di Assicurazione. La RC familiare porterà, secondo le Compagnie, risparmi per le famiglie più ricche perché per le meno abbienti, quelle che posseggono una sola auto, non cambierà nulla, anzi, c’è il concreto rischio che i premi vengano aumentati dalle Compagnie per alleviare ciò che ci perderanno come premi.

Infatti la Rc Auto familiare permetterà di assicurare i veicoli di una famiglia, tutti alla stessa classe di merito del veicolo che ha quella meno costosa, perché più bassa. Rispetto alla legge Bersani, che prevedeva la stessa classe di merito solo ad un veicolo della stessa tipologia del primo e solo in fase di prima assicurazione, la novità non ha vincoli.

In altri termini, che sia l’auto della moglie, o la moto del figlio, o il motorino della figlia, tutti questi mezzi potranno godere del medesimo trattamento di classe di merito, della auto del padre. E potranno farlo a partire da domani 16 febbraio, ad ogni scadenza annuale di contratto, cioè anche se il veicolo da collegare alla associazione più vantaggiosa è già assicurato.

I correttivi del Milleproroghe

Il decreto Milleproroghe ha parzialmente modificato ciò che era stato fatto nel decreto Fiscale di fine 2019. Nulla di nuovo per quanti riguarda la assicurazione RC Auto familiare. Nessuna modifica, perché il meccanismo studiato nel collegato alla manovra finanziaria è rimasto inalterato. C’è una cosa però che è cambiata e riguarda i motorini.

Un parlamentare del Partito Democratico, Claudio Mancini, come riporta il quotidiano romano «Il Messaggero» ha presentato un emendamento, approvato dopo correttivo del Mise, con cui si inserisce un extra malus ai motorini che causano sinistri che producono danni superiori a 5.000 euro. Le regole normali prevedono che qualsiasi veicolo che causa un incidente, venga gravato di una penalizzazione di due classi al rinnovo successivo.

Con la novità del supermalus questa penalizzazione sale di 3 classi, arrivando a 5. L’aumento del prezzo della polizza, con 5 classi di merito in più, sarà decisamente rilevante. Ed è andata anche bene, perché l’emendamento in origine prevedeva che nel caso il motorino avesse beneficiato della classe familiare, la penalizzazione di 5 classi dovesse gravare su tutti gli altri veicoli del nucleo familiare. Una ipotesi che come detto, il Mise ha scongiurato.