Arezzo: ruba un’auto e poi va a fare rifornimento al distributore del proprietario, arrestato

Ruba auto a benzinaio e poi va da lui a fare il pieno: arrestato

Un ladro molto sfortunato si è recato al distributore a cui qualche tempo prima aveva rubato un’auto. La vicenda è successa qualche giorno fa ma la notizia è stata data solo oggi.

Ladro sfortunato si reca al distributore a cui tempo prima aveva sottratto l’auto

Qualche giorno fa, nella sala operativa del Commissariato PS di Montevarchi è giunta la segnalazione da parte di un gestore di una stazione di rifornimento carburanti del Comune di Terranuova Bracciolini. L’uomo agli agenti ha spiegato che un cliente si era presentato alla pompa di benzina per fare rifornimento ad un’auto. Dopo un attimo di certezza, si è accorto che quell’auto era proprio la sua.

Il benzinaio di Terranuova è rimasto senza parole quando ha assistito alla scena, certamente il ladro sfortunato non poteva di certo aspettarsi che il distributore valdarnese dove si era recato, era proprio della vittima a cui aveva messo a segno il colpo. Il commerciante inizialmente non si era accorto di niente, poi osservando meglio la vettura, ha capito che era proprio la sua. L’automobilista ladro, poco dopo è fuggito via.

Ladro fermato dai poliziotti li prende a calci e pugni

Il benzinaio ha chiamato subito la polizia di Montevarchi ed ha raccontato tutti agli agenti che tempestivamente, sono giunti sul posto. Dopo ben un’ora di ricerche, la Polizia è riuscita a trovare l’uomo. Si tratta di un ragazzo di 37 anni di Terranuova già con precedenti. Il 37 enne, come se non bastasse, si è scagliato contro gli agenti colpendoli con calci e pugni. L’autore del furto è stato fermato e arrestato mentre alcuni poliziotti hanno avuto bisogno di cure sanitarie e si sono recati nel Pronto soccorso dell’ospedale della Gruccia.

Ruba un’auto e investe il proprietario

Una notizia simile ma più folle è quella che è accaduta venerdì scorso in via Bottelli a Milano. Un ladro di 38 anni non si è fermato davanti a nulla per raggiungere il suo intento. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, il ladro è entrato nel parcheggio di una azienda con la scusa di chiedere delle indicazioni e subito dopo si è infilato in una Fiat Punto che aveva già le chiavi inserite nel quadro. Ha messo la macchina in moto ed è fuggito ma è rimasto bloccato in una via senza uscita. A quel punto ha dovuto fare retromarcia investendo uno dei due titolari dell’azienda che lo stavano inseguendo. L’uomo è stato trascinato per qualche decina di metri sul veicolo tra il cofano e il parabrezza.