Autore: Luca Macaluso

Benessere

13
Feb

Prendere bicarbonato tutte le sere: fa bene o fa male?

Ecco rischi e benefici dell’assunzione del bicarbonato.

Bere acqua con bicarbonato fa male o aiuta la digestione? Una domanda comune a molti soggetti che soffrono di disturbi come l’acidità di stomaco e il reflusso gastrico. Il bicarbonato ormai è presente in tutte le case perché è usato per i più svariati motivi. Lavare frutta e verdura per esempio è uno di questi motivi che spingono molti ad avere il bicarbonato sempre a disposizione.

In polvere o in altre forme, il bicarbonato mischiato con l’acqua è molto utilizzato da persone che sentono lo stomaco pesante o che hanno acidità dopo aver mangiato. Molti lo utilizzano la sera prima di andare a letto. Il bicarbonato favorisce la digestione, ma non sempre è salutare. Infatti quando non serve può fare male all’organismo.

Come per molti altri aspetti della vita quotidiana, quando bere acqua e bicarbonato deve dirlo un medico. Infatti anche per questa prassi ormai comune a molti, è sempre meglio chiedere un parere al proprio medico di base. Vediamo comunque nel dettaglio cosa succede al nostro organismo quando si beve acqua e bicarbonato, soprattutto quando lo si usa ogni sera.

TI POTREBBE INTERESSARE: Quanta birra si può bere al giorno? Incredibile, ecco la verità!

Bere acqua con bicarbonato fa digerire, però occorre prestare attenzione

Bere acqua con bicarbonato aiuta a sentirsi meno appesantiti e quindi aiuta a digerire, ma alla lunga potrebbe far male. Bere acqua e bicarbonato, in base alle statistiche sulle persone che utilizzano la miscela, sembrerebbe essere un rimedio formidabile contro il reflusso gastrico e le acidità di stomaco.

l bicarbonato è un rimedio per i disturbi digestivi ed è piuttosto veloce come azione, ma occorre prestare attenzione ad alcune controindicazioni. Occorre stare attenti anche alle quantità che se ne consumano o alla frequenza del suo uso. Dal punto di vista scientifico il bicarbonato come aiuto alla digestione in un organismo umano è appurato e confermato. Ma è la stessa scienza a confermare anche i potenziali danni al nostro organismo che il bicarbonato può produrre, se utilizzato in maniera e come quantitativi sbagliati.

TI POTREBBE INTERESSARE: Caffè e infarto: ecco tutto quello che non sapevi!

Cosa accade quando si beve il bicarbonato?

Il bicarbonato è un sale e come tutti i Sali può essere nocivo per la salute. Il bicarbonato è formato da sodio e carbonato di sodio. Grazie a questi elementi, se sciolto in acqua, crea un miscuglio alcalino che riesce a tamponare gli acidi nello stomaco, appena è ingerito.

Ecco perché bere una soluzione fatta con solo acqua e bicarbonato, può ridurre l’eventuale eccesso di acido cloridrico nello stomaco, che poi è la causa dell’acidità di stomaco o dei reflussi gastrici. In polvere, sotto forma di tavolette, in capsule o in compresse, il bicarbonato ha sempre lo stesso effetto. Pur se indicato come rimedio antiacido, il bicarbonato non può essere usato sempre e costantemente, come molti fanno, ogni sera.

L’effetto del bicarbonato è ottimale se assunto nei casi di acidità grave, ma solo se utilizzato per brevi periodi di tempo. Un eccesso di consumo di bicarbonato oltre a poter fare danni allo stomaco, potrebbe sortire un effetto opposto a quello per cui si utilizza comunemente. Infatti se assunto con costanza, alla fine potrebbe causare un aumento di acidità anziché debellarla.

TI POTREBBE INTERESSARE: “Bere whisky fa male!”: attenzione, ecco cosa succede!

Il bicarbonato è sconsigliato nei bambini e nelle donne in gravidanza. Inoltre non va preso quando si assumono altri farmaci perché potrebbe non far funzionare il farmaco preso per curare altre patologie. Inoltre è tremendamente sconsigliato usare il bicarbonato dopo aver bevuto alcol o se si soffre di alcune patologie cardiache o renali.

Tra gli effetti collaterali del bicarbonato ci sono il gonfiore di stomaco, la flatulenza, la nausea, la diarrea e il mal di stomaco. Spesso l’utilizzo smodato del bicarbonato è stato accostato a problematiche renali, cardiache e muscolari.