Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

19
Feb

I mandarini contengono vitamina C: verità o falso mito?

Il mandrino, il popolare agrume della stagione fredda contiene vitamina C, almeno quello e ciò che comunemente si crede, ma è davvero così?

Il mandarino è un frutto tipico della stagione autunnale molto diffuso in Italia. Il mandarino è un agrume che viene quasi sempre consumato fresco. Tra i vari agrumi che comunemente compaiono sulle tavole degli italiani, il mandarino è senza dubbio uno dei più popolari. Si tratta di un frutto molto nutriente e rispetto agli altri agrumi è molto più dolce, soprattutto nelle varianti delle clementine, che sono una delle tipologie di mandarini più diffuse. Il mandarino inoltre è ricco di vitamina C, almeno questo è ciò che da sempre si pensa di questo importante frutto che ormai fa parte anche della tradizione nostrana. Ma è veramente così? Ecco la verità e tutti i valori nutrizionali del mandarino.

LEGGI ANCHE: Mangiare datteri tutti i giorni: ecco cosa accade al nostro corpo

Manderini e vitamina C, è tutto vero?

Tra gli agrumi come dicevamo, il mandarino è quello più dolce perché più ricco di zuccheri. Questo lo rende anche l’agrume più calorico tra quelli conosciuti (arance, limoni, pompelmi e così via). Il frutto si presenta con una buccia esterna che va tolta prima di mangiarlo. La buccia comunque è una parte importante di questo frutto perché è proprio nella buccia che sono presenti le sostanze antiossidanti di cui il frutto è piuttosto ricco. La buccia inoltre è usata per ricavare l’olio di mandarino, che è un toccasana per i problemi di cellulite.

Tornando ai valori nutrizionali del mandarino, soprattutto alla vitamina C, il frutto ne è ricco. Un rimedio della nonna per i più piccoli è quello di far mangiare il mandarino proprio perché presenta proprietà determinanti nella prevenzione dei malanni tipici delle stagioni invernali, i raffreddori e le influenze. Il mandarino è molto ricco di vitamina C, ma contiene anche vitamine del gruppo B, vitamina A e vitamina P. Mangiare mandarini quindi previene dalle influenze proprio per la ricchezza di vitamine che sono presenti nel frutto.

LEGGI ANCHE: Mangiare banane a stomaco vuoto: ecco cosa può accadere

I valori nutrizionali del mandarino sono importanti

Questo agrume è ricco di acido folico ed ha diversi minerali come il magnesio, il potassio, il calcio e il ferro. Al mandarino sono associate anche doti di rilassamento, probabilmente per la presenza di bromo, molto importante perché concilia il sonno. Una cosa che va sottolineata del mandarino è la ricchezza di fibre che lo rendono un alimento piuttosto facile da digerire e che agevola il funzionamento dell’intestino. Come dicevamo, l’unica controindicazione di questo frutto è l’alto contenuto di calorie che ha.

Su 100 grammi di mandarini infatti, ci sono oltre 70 Kcal. Sempre su 100 grammi di questo agrume, abbiamo 81,4 grammi di acqua, 17,6 grammi di carboidrati, 17,6 grammi di zuccheri, 0,9 grammi di proteine. Oltre a questi elementi, anche potassio, ferro, calcio, fibre, fosforo e sodio. Naturalmente delle vitamine abbiamo già parlato in precedenza. Il mandarino inoltre non ha colesterolo. Tutto ciò rende il mandarino un alleato per la salute del corpo umano, soprattutto per ossa, cuore e intestino.

LEGGI ANCHE: Perchè dovresti bere latte due volte al giorno? Ecco tutti i benefici