Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

26
Gen

Bere caffè alza il colesterolo? Attenzione, ecco cosa dice l’esperto

Davvero il caffè fa alzare il colesterolo? Ecco i pareri e le teorie al riguardo

È norvegese l’origine della teoria che il caffè aumenti la percentuale di colesterolo. Uno studio scientifico ha sondato gli effetti del caffè su una platea di oltre 14.000 norvegesi. Ma è davvero così? Ecco la verità e il parere di numerosi esperti collegati all’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Caffè e colesterolo, quali effetti ci sono

Nei norvegesi cui si riferisce lo studio a cui accennavamo in precedenza, è stato appurato un aumento del colesterolo nei soggetti abituati a bere caffè bollito non filtrato. Un dato non contestabile quindi, ma che apre ad altre teorie che sostengono come non sia il caffè in quanto tale a produrre un aumento del colesterolo. Piuttosto, la colpa di questo innalzamento dei valori di colesterolo nel sangue è la modalità di preparazione del caffè.

TI POTREBBE INTERESSARE: Il riso fa ingrassare? Ecco la verità

Il caffè andrebbe sempre filtrato, perché utilizzarlo in maniera diversa lascia nel prodotto le distanze che producono l’aumento del colesterolo, cioè cafeolo e cafestolo. Il caffè è in prodotto che presenta al suo interno dei grassi, ma solo in minima percentuale, soprattutto se bevuti amaro e senza zucchero. Ecco perché non può essere il caffè in se per se a cagionare l’aumento del colesterolo.

Chi soffre di colesterolo alto può bere caffè?

Ricapitolando, il caffè non è una bevanda che danneggia particolarmente il livello di colesterolo del sangue. Ma ciò non vuol dire che può essere consumato in abuso, soprattutto se il soggetto interessato ha problematiche relative proprio al colesterolo. Detto già che il caffè va preso sempre filtrato, anche la tipologia di caffè assume la sua importanza.

TI POTREBBE INTERESSARE: Bere caffè di sera fa bene? Ecco cosa può accadere

Per un soggetto che magari geneticamente è predisposto a problemi con il colesterolo, meglio un caffè con poca caffeina e non superare le tre tazzine al giorno, naturalmente meglio senza zucchero. In definitiva, non è una tazza di caffè al giorno che incide sul colesterolo, soprattutto se preso filtrato, con poca caffeina e di arabica di buona qualità