Autore: Luca Secondino

Calcio - UEFA Champions League - Serie A Tim - Streaming

15
Giu

Rojadirecta non funziona? Ecco le alternative per lo streaming di Serie A e Champions League

Rojadirecta non funzinoa perché è stato oscurato o non riuscite a connettervi? Ecco come fare per vedere le partite di calcio e i Gran Premi in streaming con le alternative.

Rojadirecta non funziona? Per prima cosa verificate se il problema non sia legato alla vostra connessione. Poi se davvero Rojadirecta non va non c’è da stupirsi: spesso i servizi illegali vengono chiusi dalle autorità, e il network di streaming spagnolo più cliccato in Europa è abituato a questo trattamento.

Senza Rojadirecta come fanno tutti i tifosi a vedere in streaming le partite di Serie A e Champions League, oppure a seguire in diretta il Gran Premio di Formula 1? Ci sono diverse alternative a Rojadirecta per vedere lo streaming delle partite.

Chiaramente sconsigliamo altri siti di streaming gratis che fanno parte dello stesso network come Rojadirecta.me, Rojadirecta.tv, Rojadirecta.eu poiché si tratta di un servizio illegale e si rischia di dover pagare una multa salata.

Rojadirecta non va: dove vedere le partite in streaming?

La decisione di oscurare Rojadirecta non è stata presa di buon grado dai tifosi italiani che puntualmente utilizzavano il sito per vedere lo streaming gratis delle partite.

L’operazione di oscuramento ha coinvolto non solo Rojadirecta ma anche altri siti pirata meno noti. Quindi dove vedere allora le partite in streaming? Gli unici servizi che sono abilitati a trasmettere le partite di Serie A in streaming sono quelli a pagamento, come Sky Online, Sky Go e Premium Play.

Le partite di Champions League, invece, sono visibili solo su Premium Play, poiché sono un’esclusiva Mediaset. Vi ricordiamo inoltre che anche gli IPTV che permettono di vedere le partite di Serie A al prezzo di 10€ sono illegali, quindi diffidate da tutte le offerte a riguardo.

Concludiamo invitando ancora gli utenti a non fare l’accesso ai siti che permettono di vedere gratuitamente le partite di Serie A, perché in quel momento stanno commettendo un reato e anche chi usufruisce del servizio si fa sostenitore di un’azione pirata.

Perché Rojadirecta non funziona?

Negli scorsi mesi, Mediaset ha seguito l’esempio di altri canali stranieri e ha fatto richiesta al Tribunale di Milano affinché bloccasse definitivamente gli accessi agli indirizzi IP e DNS di Rojadirecta. Il Tribunale di Milano ha dato ragione a Mediaset e quindi ha disposto il blocco totale a Rojadirecta e di tutti gli accessi al sito.

Come vedere le partite in streaming? Dopo la sentenza del Tribunale di Milano gli utenti - teoricamente - non possono più accedere a Rojadirecta e di conseguenza non possono più vedere le partite di Serie A e Champions League gratuitamente. Tuttavia, esistono altre piattaforme che permettono di vedere in streaming le partite di calcio e vediamo quali sono.

Prima però analizziamo le motivazioni che hanno spinto il Tribunale di Milano ad oscurare Rojadirecta.

Rojadirecta non funziona? L’amministratore è stato arrestato

Il sito spagnolo è stato al centro delle cronache negli ultimi mesi, poiché lo scorso ottobre il suo amministratore unico, Igor Seoane, è stato arrestato dalle autorità spagnole a La Coruna. La denuncia era scattata da alcuni network che detengono i diritti delle partite di Champions League, anche se la violazione del sito comprendeva tutte le competizioni sportive. Su tutti Mediaset Premium e Canal Plus che hanno chiesto la chiusura del sito pirata.

Rojadirecta diffonde link di contenuti sportivi gratuitamente e illegalmente dal 2005, ma il suo pubblico negli anni conta diversi milioni di utenti. Tuttavia, nonostante le azioni legali, in alcuni casi è ancora possibile accedere a Rojadirecta e vedere in streaming le partite della Champions League e della Serie A come Juventus-Porto, ma vi consigliamo di non farlo perché si tratta di un metodo considerato illegale.

Potrebbe interessarti anche: guardare le partite su Rojadirecta è reato?

Quindi Rojadirecta non funziona più, poiché il Tribunale di Milano ha bloccato totalmente gli accessi alla famosa piattaforma, ma sappiamo che il mondo del web offre molte escamotage e il sito potrebbe riprendere l’attività pirata.

Rojadirecta oscurato: le motivazioni del Tribunale di Milano

Dopo l’arresto dell’amministratore, nel novembre del 2016, la Sezione Specializzata Impresa del tribunale di Milano aveva ordinato il divieto d’accesso cautelare al dominio di Rojadirecta, accusato da Mediaset di violare il copyright delle gare di Serie A e Champions League.

Il Tribunale di Milano ha confermato il provvedimento dando ragione a Mediaset. Si tratta di un fatto molto importante per la giurisprudenza italiana, perché è la prima volta che un tribunale civile del nostro Paese blocca gli accessi ad un sito internet pirata.

Nel dettaglio, il giudice del Tribunale di Milano Paola Gandolfi ha ritenuto che “l’ordine comprenda ogni attività di disabilitazione dell’accesso al sito internet in questione, sia ai DNS sia agli indirizzi IP associati”.

Infine, il giudice ha dichiarato che: “il provvedimento del Tribunale di Milano fornisce una tutela effettiva ai diritti esclusivi degli editori, individuando nei fornitori di connettività gli operatori più idonei a contrastare la pirateria digitale”.

Quindi, dovranno essere gli ISP, cioè le società che forniscono gli accessi ad Internet, ad inibire i siti web che violano il copyright delle partite di Serie A e Champions League.

Mediaset ha scelto di far valere la decisione del tribunale anche presso le Autorità fondamentali, in cui il tema del blocco degli IP è di straordinaria importanza. In questo modo, non c’è il rischio che i provvedimenti del Garante riguardo l’oscuramento di Rojadirecta vengano facilmente aggirati.