Autore: Stefano Calicchio

Pensione - INPS

Pensione di cittadinanza di dicembre 2020, info su tredicesima: spetta oppure no?

La pensione di cittadinanza è un provvedimento pensato per fornire un sostegno a chi si trova a vivere una situazione di disagio sociale ed economico in età avanzata: ecco le indicazioni in merito alla tredicesima mensilità.

Tra le misure di welfare presenti all’interno del nostro ordinamento troviamo anche la pensione di cittadinanza, un provvedimento che si accompagna al reddito di e che fornisce un sostegno economico finalizzato all’inclusione sociale. Non si tratta quindi di un assegno derivante dai contributi effettivamente versati, ma di un provvedimento di welfare: questa considerazione appare fondamentale anche in relazione alla questione della tredicesima mensilità.

Ma procediamo con ordine e partiamo dai requisiti utili per poter beneficiare della pensione di cittadinanza. La domanda di accesso può essere inoltrata all’Inps da tutti coloro che hanno raggiunto i 67 anni di età e possiedono i requisiti di cittadinanza e residenza, oltre che quelli reddituali regolati dalle soglie ISEE. In particolare, è necessario rispettare un valore ISEE inferiore a 9360 euro, ma sono presenti anche vincoli sul patrimonio mobiliare e immobiliare.

Qualora si rispettino tutti i requisiti, si riceve un assegno massimo di 780 euro al mese erogato dall’Inps e (nel caso della pensione di cittadinanza) caratterizzato dal rinnovo automatico fintanto che si continuano a mantenere in essere i requisiti previsti dalla legge. La differenza con il reddito di cittadinanza è evidente, perché il beneficio dura 18 mesi con possibilità di rinnovo per ulteriori 18 mensilità.

Pensione di cittadinanza: a dicembre 2020 non spetta la tredicesima

Stante la situazione appena evidenziata, in molti si domandano se la pensione di cittadinanza di dicembre 2020 offrirà anche il pagamento della tredicesima mensilità. Purtroppo né il reddito né la pensione di cittadinanza garantiscono la c.d. gratifica natalizia. Trattandosi di una misura di natura assistenziale, non viene infatti maturato il diritto alla mensilità aggiuntiva.

Detto ciò, per coloro che percepiscono la pensione di cittadinanza come integrazione a una pensione di base, il discorso risulta differente. La 13ma mensilità è infatti garantita in favore di tutti i pensionati, compresi i titolari di un assegno sociale. In quest’ultimo caso, si riceverà quindi una tredicesima mensilità commisurata al trattamento eligibile in corso, ma non sarà presente l’integrazione fornita mensilmente dalla pensione di cittadinanza.

A completezza di quanto appena riportato va infine evidenziato che anche il reddito di cittadinanza (a cui è strettamente collegata la pensione di cittadinanza) non garantisce alcun pagamento relativo alla 13ma mensilità nell’erogazione del mese di dicembre 2020.