Autore: Luca Macaluso

Benessere

La camomilla fa bene al cuore? Ecco la risposta

La camomilla ha rilevanti effetti positivi sul nostro organismo, e grazia a determinate sostanze, anche sul cuore.

La camomilla è una delle piante più utilizzate dall’uomo come rimedio naturale a svariati disturbi di cui un organismo può soffrire. Utilizzata sia per fare infusi da bere che come elemento tipico delle più svariate composizioni della cosmesi. Si tratta di una delle piante officinali più antiche, ma ancora oggi molto diffuse. Come infuso, che si ricava dai fiori della pianta che vengono opportunamente essiccati, la camomilla rappresenta una delle tisane più bevute, soprattutto in Italia. Questo perché della camomilla vengono riconosciute importanti qualità benefiche per il nostro organismo e per diversi organi, tra cui il nostro cuore. Vediamo di approfondire meglio il perché la camomilla è molto usata e perché questo rimedio naturale molto popolare è così benefico.

TI POTREBBE INTERESSARE: E’ vero che il sedano fa ingrassare? Ecco la risposta

Camomilla e problemi cardiaci, perché fa bene?

Come dicevamo quindi, la camomilla è un autentico toccasana per la salute. Per esempio, uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nutrition, ha messo in luce i benefici della camomilla a livello di diabete. In base al parere degli scienziati che hanno condotto la ricerca, bastano 3 tazze di camomilla al giorno per contribuire a migliorare i livelli di glucosio nel sangue per soggetti affetti da diabete di tipo 2. La camomilla potrebbe quindi aiutare a ridurre i fattori di rischio legati alla comparsa del diabete. I fiori di camomilla contengono oli essenziali, polifenoli, cumarina, acidi grassi e fitosteroli.

I fitosteroli sono componenti naturali della dieta umana e nella camomilla se ne trovano in ingenti quantità. I benefici che la camomilla ha sul cuore dipendono proprio dai fitosteroli. Si tratta di sostanze che funzionano come il colesterolo animale, ma che vengono assorbite solo in piccolissima parte e solo a livello intestinale. Studi scientifici hanno dimostrato che i fitosteroli esercitano una significativa azione sul colesterolo nel sangue.

Infatti i fitosteroli sono in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Bere camomilla ogni giorno quindi, potrebbe aiutare a contrastare la presenza di colesterolo nel sangue, perché sempre in base a studi scientifici, due grammi al giorno di fitosteroli, abbassano fino al 15% la colesterolemia. Ecco perché anche la camomilla, come tanti altri prodotti che contengono i fitosteroli, sembra che siano un toccasana per il cuore, prevenendo problematiche anche serie come gli infarti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare olive verdi fa male? Ecco la risposta dell’esperto

Un fiore da utilizzare

Sempre sentendo prima il parere di un nutrizionista, perché i benefici di ogni cosa che ingeriamo possono essere differenti a seconda dell’individuo che li consuma, la camomilla è una pianta davvero ottima. La camomilla può essere impiegata, come detto, sia per uso interno che per uso esterno. Della camomilla si riconoscono effetti calmanti e sedativi, tanto che è indicata anche nella cura dell’ansia o dei disturbi del sonno.

L’efficacia della camomilla è riconosciuta anche nei soggetti con difficoltà digestive, perché può sedare i dolori di stomaco, la flautulenza e la diarrea. Per l’uso esterno, molti usano la camomilla anche come collirio o come impacchi per curare problematiche relative agli occhi. Impacchi di camomilla poi, sembra siano indicati per la pelle, per un effetto cicatrizzante e lenitivo.