Autore: Luca Macaluso

Alimentazione - Benessere

12
Giu 2020

Mangiare avocado acerbo: ecco cosa può succedere

L’avocado è un frutto calorico ed energetico. Ma mangiarlo quando non è maturo può essere un problema?

L’avocado è un frutto tropicale ricco di vitamine B, C, E e K, fondamentali per il sistema nervoso, per la salute delle ossa e per prevenire la decalcificazione dello scheletro. Mangiare avocado fortifica il sistema immunitario rendendolo più efficace nel contrastare gli attacchi dei virus tipici delle malattie da raffreddamento della stagione invernale.

L’avocado contiene sostanze antiossidanti che aiutano l’organismo nella lotta contro i radicali liberi e a rallentare l’invecchiamento cellulare e la comparsa di patologie tumorali. Un frutto come l’avocado è inoltre ricco di grassi monoinsaturi importanti per il benessere dell’apparato cardiocircolatorio. L’avocado aiuta ad abbassare i livelli di colesterolo cattivo LDL nel sangue, migliora la circolazione, protegge il cuore e riduce l’insorgenza di ictus e di infarti.

L’avocado contiene inoltre importanti sali minerali come il potassio e carotenoidi come la luteina e la zeaxantina, benefici per la salute degli occhi. In cucina l’avocado è sicuramente meno diffuso di frutti comuni come le pere, le mele, le banane o gli agrumi. Ciò non vuol dire che non ci si sia specializzati nella sua preparazione: l’avocado è infatti l’ingrediente principale della gustosa salsa guacamole e può essere adoperato anche per ogni tipo di ricetta, sia dolce che salata. L’avocado può essere tagliato in pezzi e messo nelle insalate, condito con un’irrorata di succo di limone.

L’avocado può essere usato come ingrediente per la preparazione di dolci al cucchiaio. Con l’avocado possiamo addirittura preparare un pesto per condire la pasta o da spalmare su fette di pane abbrustolito. L’avocado si può anche accompagnare al riso o al pesce. Certo per rendere al meglio in cucina l’avocado deve essere al culmine della sua maturazione. Usarlo acerbo potrebbe essere un problema?

TI POTREBBE INTERESSARE: Mangiare avocado fa ingrassare? Ecco la verità

Mangiare avocado acerbo fa bene o male?

Può capitare in cucina di ritrovarsi tra le mani un avocado non ancora maturo, utilizzato per le proprie ricette culinarie. Cosa succede in questo caso a mangiare avocado acerbo? Niente di preoccupante in realtà. Mangiare avocado acerbo può essere al massimo un po’ di fastidioso per il sapore non maturo del frutto, che stimolerà a non proseguirne l’ingestione e a lasciarlo stare. Quando acquistiamo un avocado al supermercato può capitare che questo non sia ancora maturo.

Anche se mangiare avocado acerbo non causa problemi all’organismo, è certamente meglio consumare un frutto maturo. Per cui, se avete acquistato un avocado acerbo, il consiglio è quello di aspettare almeno 3 giorni prima di mangiarlo, riponendo il frutto a proseguire la sua maturazione in un luogo asciutto a temperatura ambiente. Non bisogna infatti mai conservare l’avocado in frigo perché potrebbe ossidarsi e diventare molle. Il migliore avocado è sempre quello al culmine della sua maturazione: a quel punto avrà un gusto e una consistenza ideale.