Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Bonus

Superbonus: la detrazione del 110% è anche per ascensori e montascale

La Legge di Bilancio 2021 stabilisce la possibilità di sfruttare il superbonus 110% per rimuovere le barriere architettoniche e quindi per installare anche ascensori e montascale.

Tra le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021 c’è la possibilità di richiedere il superbonus 110% anche per l’installazione di montascale e ascensori. La detrazione fiscale in questione si applica quindi anche agli interventi previsti dall’articolo 16-bis, comma 1 lettera e) del DPR n. 917 del 22 dicembre 1986. Nel corso dell’anno appena iniziato sarà quindi possibile sfruttare il bonus in questione per gli strumenti che permettono la mobilità interna ed esterna di soggetti con handicap grave ai sensi della legge 104, articolo 3 comma 3.

Superbonus 110% per ascensori e montascale

Con la Manovra 2021, il Governo ha prorogato ed esteso l’applicazione del superbonus 110% che ora risulta valido anche per gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche e di conseguenza per l’installazione di montascale e ascensori.

Coloro che possono utilizzare l’incentivo per eseguire gli interventi in questione non sono solo le persone titolari di handicap grave, ma anche le persone di età superiore a 65 anni. Si tratta di una novità particolarmente importante perché va ad agevolare la rimozione delle barriere architettoniche grazie ad un importante incentivo fiscale utilizzabile, fino all’introduzione di questa novità, esclusivamente per la riqualificazione degli edifici.

Superbonus 2021 per eliminare le barriere architettoniche

L’ecobonus è una detrazione fruibile per interventi legati alla riqualificazione energetica, alla riduzione del rischio sismico, all’installazione di impianti fotovoltaici e all’installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. La Legge di Bilancio 2021, oltre a prorogare l’incentivo, ha ampliato la categoria di interventi che andrà a coprire.

A partire dal 2021 infatti si potrà sfruttare l’aiuto economico da parte del Governo anche per gli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche e quindi per montare montascale, ascensori e servoscale. In generale si potrà quindi richiedere il superbonus 110% per effettuare i lavori di cui si parla nell’articolo 16-bis, comma 1 lettera e) del DPR n. 917 del 22 dicembre 1986.

Per comprendere meglio quando è possibile sfruttare l’ecobonus, è bene ricordare i chiarimenti che l’Agenzia delle Entrate ha dato tramite la circolare n.19/E dell’8 luglio 2020. La circolare in questione, relativa alle detrazioni Irpef, specificava che nei lavori per eliminare le barriere architettoniche rientrano sia le opere presenti in parti comuni che quelle presenti in singole unità immobiliari.

Tra i beni che si possono detrarre ci sono infatti la costruzione di rampe di scale esterne ed interne, l’installazione di servoscala e montascale e anche il rifacimento di scale e di ascensori. I cittadini potranno quindi accedere al bonus per rimuovere le barriere architettoniche anche nel caso in cui nell’unità immobiliare oggetto dei lavori non vi abitino dei portatori di handicap.

Ricordiamo che il superbonus 110% può essere richiesto anche per sostituire le finiture come pavimenti, infissi esterni, pavimenti e terminali di impianti oltre che per rifare o sistemare impianti tecnologici già esistenti come i servizi igienici, impianti elettrici, citofoni e impianti degli ascensori.