Autore: Luca D

Stati Uniti - Bill Gates - Donald Trump - Coronavirus

Roger Stone attacca Bill Gates: «Grazie al Coronavirus l’uso di microchip per il tracciamento sarà favorito e tollerato»

Roger Stone, braccio destro di Donald Trump, attacca Bill Gates e mette in guardia la popolazione riguardo all’uso di microchip, app per il tracciamento, test e vaccini.

Roger Stone è un politico e stratega statunitense da decenni nel giro dei Repubblicani. Stone è un fidato consigliere di Donald Trump, lo ha sostenuto durante la sua carriera politica e imprenditoriale tanto da proporlo come candidato alla Casa Bianca già nel lontano 1998. Di recente lo ha affiancato nella campagna elettorale del 2016 guadagnandosi il ruolo di consigliere fidato e rimanendo al suo fianco fino ad oggi.

Roger Stone e Bill Gates, due personaggi controversi

Roger Stone, così come Donald Trump, si è fatto portavoce nel corso degli anni di diverse teorie stravaganti, alcune risultate poi essere vere e fondate, altre no. Durante una recente intervista in radio, ripresa e riportata poi dal New York Times, Roger Stone ha esposto una nuova teoria che riguarderebbe il controverso personaggio di Bill Gates, fondatore di Microsoft nonché uno tra gli uomini più ricchi dell’intero pianeta.

E’ interessante il fatto che Bill Gates si sia sempre dedicato ai temi di interesse globale. Diverse volte negli anni passati aveva già avvisato gli Stati Uniti e l’intero pianeta della possibilità di dover combattere contro una pandemia o contro un’altra catastrofe dalle dimensioni planetarie, come potrebbe esserlo una guerra nucleare o i cambiamenti climatici. Per questo, è stato contattato più volte da diverse associazioni e organi di governo per esporre le sue idee in modo che il paese si potesse preparare al meglio ad una di queste situazioni.

LEGGI ANCHE:

Roger Stone accusa Bill Gates e avverte: “Attenzione all’utilizzo di chip, tracciamento e vaccini”

Secondo la teoria di Roger Stone, Bill Gates avrebbe avuto un ruolo attivo nella creazione del virus, per i più complottisti, o comunque nel favorire la sua diffusione o impedire una risposta veloce e autoritaria da parte dell’umanità. Il tutto allo scopo di aumentare la tracciabilità delle persone tramite l’uso di microchip ed aumentare la richiesta di vaccini.

Nel corso di un programma radiofonico Roger Stone ha detto: “Bill Gates avrebbe potuto avere un ruolo nella creazione o nella diffusione del virus, è una possibilità che da luogo a dibattiti molto accesi tra i conservatori. Alcuni lo escludono a priori, altri lo reputano possibile. Lui e altri globalisti potrebbero sfruttare il virus e la situazione che ne sta conseguendo per aumentare le vaccinazioni obbligatorie (Stone è contrario alla vaccinazione obbligatoria) e per favorire l’uso di microchip (il cui compito sarebbe quello di tracciare le persone ed avvertirle nel momento in cui si entri in contatto col virus o con una persona che ne è stata già contagiata)”. Secondo Stone tali chip potrebbero essere utilizzati, durante e dopo l’emergenza, per scopi meno nobili, inoltre il loro impiego su scala globale inizierà ad essere tollerato.

LEGGI ANCHE: Coronavirus: situazione in miglioramento negli Stati Uniti, male la Russia

Quale sarà il destino delle elezioni americane?

Successivamente l’argomento della discussione si è spostato sulle future elezioni statunitensi e sul ruolo che potrebbe acquisire Andrew Cuomo, attuale governatore dello Stato di New YorK, il più colpito dalla pandemia. In questi giorni, infatti, l’apprezzamento della popolazione nei confronti di Cuomo è in rapido aumento. A tal riguardo Stone ha detto: “Sta facendo un gran lavoro ed è un grande comunicatore perché parla la lingua della gente. Penso che alla fine di questa storia emergerà la sua figura, ed è questa la fantasia o speranza dei Democratici consapevoli della debolezza dell’attuale candidato John Biden.