Autore: Giorgia De Angelis

Alimentazione - Vegetariani - Stati Uniti

19
Nov

Panini Burger King “senza carne”, o quasi: vegano indignato cita in giudizio il fast food

Nessuno si sarebbe aspettato la ritorsione dei vegani contro i panini Burger King senza carne, eppure così è stato: un americano dedito al veganesimo ha fatto causa alla catena di fast food.

Una cosa totalmente a favore del “green”, in un mondo dove decisamente scarseggia. La nota catena di fast food americana ha infatti deciso di lanciare, prima fra tutte le catene di tale portata, i panini Burger King senza carne. Si è addirittura parlato di “carne finta”, riferendosi alla versione vegana del famoso Whopper: l’Impossible Whopper. Questo andrebbe a presupporre una nota di merito nei confronti del Burger King da parte di chi non assume carne e derivati degli animali, ma al contrario, la multinazionale è stata citata in giudizio da un cliente vegano.

Panini Burger King senza carne: la citazione in giudizio del cliente vegano

I panini Burger King senza carne hanno avuto un “più che discreto” successo: stando alle parole di José Cil, CEO di RBI (multinazionale che possiede Burger King), i guadagni della catena di fast food americana sono stati incrementati del 5% nell’ultimo trimestre, grazie alla realizzazione dell’Impossible Whopper. Questa storia non è andata per niente bene ad alcuni vegani, in particolare dall’americano Phillip Williams, che si è trovato ad acquistare un Impossible Whopper ad Atlanta, in Georgia. Solo dopo averlo pagato a un prezzo maggiorato e scartandolo, si è reso conto della presenza di residui di carne nella parte esterna del panino. Questo deriva dal fatto che i panini Burger King senza carne sono sì privi di tracce animali, ma vengono comunque cotti sulla stessa griglia dei normali “burgers” del fast food.
Williams, indignato, ha quindi deciso di citare in giudizio Burger King con l’accusa di pubblicità ingannevole. Come dichiarato da altre persone vegane sui social, la multinazionale starebbe lucrando su un’opzione che in realtà non è davvero vegana come fa credere.

Sul sito ufficiale del Burger King il panino viene pubblicizzato con lo slogan: “100% Whopper, 0% Beef”, quindi nessuna traccia di carne.
In una piccola nota a piè di pagina, è però indicato anche che: “per i clienti in cerca di un’opzione senza carne, è disponibile su richiesta una preparazione che non preveda l’utilizzo della griglia”.
Phillip Williams tuttavia ha deciso di muoversi in grande proponendo una class action, quindi un’azione collettiva, a nome di tutti i vegani che, come lui, non mangiano né bevono carne o derivati animali. La richiesta fatta dall’uomo è che, oltre al risarcimento dei danni, a Burger King sia imposto di smettere di cuocere gli Impossible Whopper sulla stessa griglia dei panini tradizionali.

La rete gemella della CNN, la HLN, ha tentato di contattare Burger King per avere un riscontro, ma attualmente la multinazionale non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione.