Nobel per la Pace 2021: chi sono Maria Ressa e Dmitry Muratov

Nobel per la Pace 2021: chi sono Maria Ressa e Dmitry Muratov

I due vincitori sono stati scelti tra 300 candidature

L’8 ottobre del 2021 è il giorno che passerà alla storia per l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2021 a due giornalisti: sono Maria Ressa e Dmitry Muratov.

Sono due giornalisti e il prestigioso riconoscimento è arrivato in virtù del loro impegno finalizzato alla salvaguardia della libertà di espressione, requisito necessario ai fini della democrazia e presupposto per una situazione di pace che possa essere duratura nel tempo. Le loro due candidature hanno prevalso su oltre 300 nomi che concorrevano ai fini dell’assegnazione.

Maria Ressa, Premio Nobel per la pace 2021

Maria Ressa è una giornalista filippina, naturalizzata statunitense. Nata a Manila, il 2 ottobre del 1963, è stata la fondatrice del sito Rappler. Attraverso il portale ha manifestato un punto di vista critico in relazione all’operato del presidente Rodrigo Duterte.

Ha un passato con un considerevole impegno nel giornalismo investigativo, con particolare riferimento alla sua parentesi alla Cnn con cui si è occupata di Sud-Est asiatico per quasi vent’anni.

La sua attività d’inchiesta su presunti abusi e condotte non trasparenti da parte delle istituzioni l’ha esposta ad una sorta di persecuzione legale nel paese che l’ha portata anche a dover subire anche l’arresto.

Nel 2019, proprio il fermo, ebbe modo di chiarire come «nessuna causa legale, nessuna oscura propaganda nè le menzogne possono mettere a tacere i giornalisti filippini che continueranno a mantenere la linea. Queste acrobazie legali mostrano fino a che punto il governo si spingerà per mettere a tacere i giornalisti, compresa la meschinità di costringermi a passare la notte in prigione».

In quel caso gli venne contestato il reato di cyberdiffamazione. Per il coraggio con cui ha raccontato le sue verità aveva già ottenuto altri riconoscimenti tra cui il riconoscimento come Personalità dell’anno 2018 per Time Magazine.

Andreyevich Muratov, premio Pobel per la Pace 2021

L’altro vincitore, Dmitry Andreyevich Muratov, è un giornalista russo. Nato a Samara, compirà 60 anni il prossimo anno. Il prestigioso riconoscimento internazionale è il frutto di una carriera condotta con coraggio. Oggi è il caporedattore del giornale d’inchiesta russo Novaya Gazetta.

Si tratta di un periodico russo che ha sempre operato in maniera indipendente e autore negli anni di diverse inchieste. Il primo numero è uscito nell’aprile del 1993 e il lavoro svolto è stato pagato anche con un caro prezzo.

Non a caso Dmitri Muratov ha inteso dedicare il premio ricevuto ai sei colleghi uccisi, sottolineando come il premio Nobel ottenuto sia il riconoscimento ottenuto sia merito di Novaya Gazeta e di quanti hanno dato la vita per difendere il diritto delle persone alla parola.

Muratov non è il primo russo ad ottenere il riconoscimento, tenuto conto che avevano già ricevuto il premio Nobel per la pace anche Andrey Sakharov e Mikhail Gorbaciov. Leggi anche: Nobel per la fisica 2021 ad un italiano: è Giorgio Parisi