Modena, operaia muore sul lavoro

La donna, 41 anni, è rimasta incastrata in un macchinario

Un’operaia quarantenne è morta in un incidente sul lavoro, avvenuto in provincia di Modena. Una tragedia avvenuta nella zona di Camposanto e che strappa alla vita una persona che era impegnata nella sua attività lavorativa. La vittima, 41 anni, è rimasta incastrata in una fustellatrice e non ha avuto scampo.

Operaia morta a Modena, soccorsi non hanno potuto fare nulla

La donna era impegnata in un’azienda che si occupava di packaging e lavorazione della carta. Il tragico evento si sarebbe verificato tra le 8 e le 8.30. Una volta scattato l’allarme per l’accaduto, sul posto si è registrato l’arrivo dei soccorsi e delle forze dell’ordine.

L’intervento, però, non è servito ad evitare il peggio che si era probabilmente già concretizzato. A quel punto è stato possibile unicamente constatare il fatto che la donna fosse deceduta, in una circostanza per la quale saranno fatti tutti gli accertamenti del caso per chiarire nei dettagli come si sia sviluppata la tragedia.

Operaia morta a Modena, tragedia che ne ricorda altre già viste

Va in archivio, purtroppo, l’ennesimo incidente sul lavoro. A maggio, ad esempio, un operaio quarantanovenne aveva perso la vita mentre stava lavorando ad untornio a Busto Arsizio. Ha perso la vita rimanendo schiacciato tra gli ingranaggi. Due giorni prima, invece, una ragazza di ventidue anni aveva fatto la stessa tragica ine una ragazza di 22 anni che lavorava come operaia tessile in un’azienda di Prato.

Morti sul lavoro, numeri in crescita nel 2020

Il Sole 24 ore, qualche settimana fa, aveva pubblicato una stima che raccontava quanto la situazione relativa alle morti sul lavoro fosse peggiorata negli ultimi anni. In particolare veniva segnalato come nel 2020 si siano avute 1270 morti sul lavoro.

Un dato che era gi salito del 16,6% rispetto al 2019, sebbene nell’ultimo anno il dato sia cresciuto nonostante il periodo di lockdown per effetto di quelle che sono state le morti determinate dal Covid (circa un terzo).

Nel complesso i dati segnalano come nell’anno 2020 si sia arrivati ad avere tra le 3 e le 4 morti al giorno maturate in ambito lavorativo, con particolare riferimento per l’anno in questione, il primo contrassegnato dalla pandemia, all’ambito sanitario.

Morti sul lavoro, dati segnalano ulteriore aumento nel 2021

I dati relativi al 2021, tra l’altro, raccontano come nel primo trimestre del 2021 si sia avuto un incremento di circa 40 vittime nel confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Si è passato da 114 a 154.

Dati che si mantengono significativi se confrontati con quelle di un paio di lustri fa, dove ogni anno si arrivava ad una quota complessiva di meno di 1000 morti in ambito lavorativo.

Numeri ai quali spesso le associazioni di categoria reagiscono sottolineando l’importanza di investire di più sulla prevenzione e sulla formazione.